Archive for ‘Silvia Francescon’

11/12/2013

Italia e Israele: una strategia per la crescita

 

 

1497772_622239501174299_1441109322_n

Silvia Francescon, 10 dicembre 2013

 

Alcuni giorni fa il Presidente del Consiglio Enrico Letta ha incontrato l’omologo israeliano Netanyahu. L’incontro  si è concluso con la firma di 12 accordi bilaterali sicurezza pubblica, protezione civile, energia, salute, educazione, ricerca e tecnologia, con lo scopo di “garantire la crescita e nuovi posti di lavoro”, come ha sottolineato Letta stesso.

Italia a Israele sono legate da una relazione lunga e redditizia. Nel 2010 l’Italia è diventata il quarto partner commerciale di Israele (dopo Stati Uniti, Cina e Germania). Le esportazioni israeliane verso l’Italia riguardano soprattutto l’industria petrolchimica, ammontando ad un 48% sul totale che è di circa $167 miliardi.

 

Tra gli accordi sottoscritti a Roma, uno dei più interessanti è quello legato al settore energetico.

Nel 2010 Israele ha scoperto il “Leviatano”, un grande giacimento di gas che dal 2018 gli permetterà di diventare un nuovo attore energetico nell’area del Mediterraneo. Attualmente Israele è in cerca di acquirenti e l’Italia sembra desiderosa di giocare un ruolo centrale nella partita.

L’accordo energetico tra i due paesi rappresenta un’opportunità concreta per l’Italia per diventare un hub euro-mediterraneo dell’energia. Tale azione rientra in una strategia nazionale ed europea che, insieme al recente accordo sul gasdotto transatlantico (Tap), è diretta a diversificare i fornitori energetici.

L’approccio italiano verso i partner esteri mostra l’impegno del paese per il rilancio della crescita e per un interesse anche europeo dedicato al rafforzamento delle politiche comuni regionali. Non a caso la strategia energetica rientra tra le principali priorità della prossima presidenza italiana dell’UE (seconda metà del 2014).

Nonostante il rafforzamento dei legami economici sia stato l’obiettivo principale dell’incontro, i due leader non hanno perso l’occasione per discutere temi di interesse internazionale, primo fra tutti il recente accordo sul nucleare iraniano. Durante la conferenza stampa Netanyahu ha ribadito il disappunto per la riduzione delle sanzioni, sostenendo che bisogna agire il prima possibile in modo da non compromettere gli sforzi fatti.

L’Italia guarda agli accordi con l’Iran con cautela. Secondo Letta, “la de-nuclearizzazione militare dell’Iran è un obiettivo dell’intera comunità internazionale” che deve essere perseguito con “mezzi pacifici e diplomatici”. Inoltre, durante la conferenza stampa Letta stesso ha espresso la sua posizione sugli sviluppi del processo di pace in Medio Oriente auspicando che il 2014 sia l’anno della svolta, sia per i palestinesi che per la stabilità della regione.

Sul piano internazionale, entrambi i capi di governo condividono le preoccupazioni per la situazione siriana e libica. Non è stato detto niente di concreto, ma sembra chiaro che, soprattutto per quanto riguarda la Siria, c’è assolutamente bisogno di implementare la Risoluzione ONU contro l’utilizzo di armi chimiche.

Durante gli ultimi mesi sembra che l’Italia abbia lavorato molto per rafforzare il suo ruolo internazionale. Il nuovo approccio del governo sta guidando il Paese verso la giusta direzione: l’Italia vuole avere un ruolo  attivo a livello europeo ed internazionale. D’altronde, l’Italia è stato uno dei primi Paesi a ristabilire le relazioni diplomatiche con l’Iran e a chiederne l’inclusione al tavolo dei negoziati di Ginevra.

Anche il recente incontro intergovernativo con la Russia è una dimostrazione che l’Italia desidera affermarsi come attore fondamentale sul piano internazionale, soprattutto in un contesto regionale più ampio che va dal Nord Africa e Medio Oriente ai Paesi dell’Europa orientale.

Un segnale del nuovo ruolo dell’Italia è il fatto che Roma stia diventando il luogo dove discutere questioni cruciali internazionali ed europee. Infatti, non molto tempo fa la capitale ha ospitato l’incontro tra Netanyahu e John Kerry. Senza dubbio stiamo assistendo ad un notevole cambiamento sia a livello internazionale che europeo. L’Italia sta così emergendo da uno scenario internazionale molto complesso come un attore chiave della politica estera.

 

Annunci
09/05/2013

John Kerry in Italy, by Silvia Francescon, May 9, 2013

ITALIAN PREMIER LETTA MEETS US STATE SECRETARY KERRY

John Kerry arrived in Rome from Moscow, where he convened with foreign Minister Sergei Lavrov to call for an international conference, possibly by the end of the month, to discuss a political solution for Syria, to “end the bloodshed, the killing and the massacres.” The diplomatic breakthrough aimed to recuperate the Geneva communiqué and to create a transitional government. (The implementation of the agreement, discussed back in June 2012, was blocked since the question of the future of President Assad was left unsolved.)

read more »

02/05/2013

Letta’s European Grand Tour, by Silvia Francescon, May 1, 2013

20130430_letta_merkel

Fresh from winning confidence votes in both the lower and upper houses of Italy’s parliament, Italy’s young prime minister has set off on a mini tour of Europe that began with a visit to Mrs Merkel. Enrico Letta told her that it was necessary “to understand that this crisis did not find a solution because there wasn’t enough Europe.” He said his was a strongly European government, and noted that Europe achieved great results when Italy and Germany worked together with a federalist vocation.

This emphasis on Europe is to be expected from Letta. Before setting off on his Berlin-Paris-Brussels tour he told the Lower House that “The EU is the right political space from which to re-launch hope. The European Union is our journey, written by us; our horizon.” During his visit to Germany he built upon the theme:

“The main mission of this government is to achieve these four objectives: banking union, economic union, fiscal union, and political union. Only if we reach these targets will we be able to bring a solution to the national situation. All together, as European citizens, we have to do more Europe.”

read more »

30/04/2013

Enrico Letta’s burden, by Silvia Francescon, April 24, 2013

He is young and experienced, but – most importantly – he is a truly European. Enrico Letta, 46, the new Italian Prime Minister, is probably the last chance Italy has to avoid new elections. In a country paralysed by stagnation and where enterprises shut down every day, his first address was significant: “austerity measures” he said “have reached their limits.” He also quoted President Barroso where he pointed out the urgency to place stronger emphasis on growth, including in the short term.

Consultazioni del Presidente del Consiglio incaricato Enrico Letta

My bet is that European partners, as well as international markets, will like him. Letta has an old connection to the Union: from 2004 to 2006 he was MEP with the Group of the Alliance of Liberals and Democrats for Europe, sitting in the Committee on Economic and Monetary Affairs. At the age of 32 he was Minister for European Affairs under the first D’Alema government (becoming the youngest minister in Italian history). He was then Minister of Industry under both the second D’Alema and the second Amato governments, and Undersecretary of State in the second Prodi government. He works in close connection with think tanks (quite an exception for the Italian political sphere) and is a strong supporter of a roadmap towards the realisation of a much more federal Europe.

read more »

11/04/2013

Rome view: Fate presto Italia!, 10 aprile 2013, Silvia Francescon

fate-presto-sole24ore-e-hashtag

“FATE PRESTO” (“Act fast” or “Act now”) was the headline in Il Sole 24 Ore back in November 2011, when Silvio Berlusconi had to step down due to the increasingly desperate economic situation of Italy. Such a headline had also been used  in 1980, after a terrible earthquake struck the country. But now in 2013, nearly a year and a half after a technical government was appointed to rescue Italy from a possible “Greek scenario”, the SOS appeal has never been as urgent.

Italy today is paralysed. 45 days after the elections it still does not have a government. The de facto agreement is to first vote for a new head of state, then the government (or the new president could call for new elections). In the meantime there is a prorogatio of Monti, a scenario that none of the three main blocs (Democratic Party, People of Freedom and Five Stars Movement) wanted, with 10 “sages” trying to find agreement on economic and institutional reforms. A stalemate, a total paralysis.

The vice-president of the European Commission, Olli Rehn, who recently met Monti to discuss late payments, reminded us that “The accelerated repayment of commercial debt to Italian enterprises it as a matter of utmost urgency.” This is especially pertinent considering that Italy’s economic problems are related to a long-term loss of competitiveness and excessively tight financing conditions for households and enterprises. In order to overcome both its political and economical gridlock, the country needs to submit a stability programme this month. Monti’s government has already unlocked €40 billion of commercial debt for Italian enterprises (I wonder why this was not done sooner – of course we had to convince our European partners that we are credible in order to be given some flexibility over the stability pact, but this has become a crucial issue only in the last weeks. Why?). It is also not clear precisely how much money the state owes to enterprises. Official figures say €70 billion, but everyday we have a lottery of numbers: 90, 100, 120 billion. This is not acceptable. At such a crucial time there is no sense of urgency.

What worries is that the foreseeable scenario is that the country’s political crisis could drag on for at least several more weeks, being inextricably tied up with the vote for a successor to President Napolitano. Instead of overcoming divisions, political forces continue to disagree about everything, ranging from the next possible candidate for the presidency, to reforms, to the cost of coffee for parliamentarians at the Chambers cafes.

The head of state’s decision to delegate an agreement on economic and institutional reforms to ten (all male) sages, perhaps in a desperate attempt to find a solution to disagreements between all the parties, turned out to be a way to postpone the creation of a government, concrete reforms, and urgent measures. Italian history shows us that these kind of commissions do not work. They also do not represent current Italian society (most of the members of the last two commissions of these sages have been male, and with few exceptions have been involved in traditional politics for the past 20 years).

The other option President Napolitano had considered was to end his mandate one month earlier in order to allow a new elected head of state to call for new elections. (According to the Italian constitution the president may not dissolve one or both houses of parliament during the final six months of the presidential term.) He decided not to resign thanks to pressure both from Europe, especially from ECB’s president Mario Draghi, and from the US. Everyone is terrified of the economic consequences such a resignation could provoke. Napolitano, once again, carried the unbearable gridlock on his shoulders for the sake of the country. The same cannot be said of the political parties.

Clearly the personal interests of the parties are being given precedence over the common good of Italy. The election resulted in three main blocs, none of which had enough support in parliament to govern alone. While the country is sinking, the Five Star Movement has decided that their tsunami has to dismantle the entire system (their target is currently politics, but I am willing to bet that soon the business community will be affected, followed perhaps by the media). Grillo said clearly that he is aiming at 100 percent of the electorate, but if new elections come into play Berlusconi could make it through for the fifth time.

The centre-left Democratic Party, which internally is going through particularly difficult times, will change leadership. The “natural” candidate would be Matteo Renzi, who has already started his campaign. Renzi, 38, lost to Bersani in the Democratic Party primary elections last December. The mayor of Florence is young and ambitious, but has political experience and strong communication skills (for twenty years such skills have been monopolised by Berlusconi). He is perceived as a potential game-changer who could win back votes from the Five Star Movement , as well as the centre right. It remains to be seen whether Renzi would indeed be a real innovator – after all Berlusconi arrived in 1994 after another tsunami (Mani Pulite), so I would be very careful in giving anyone a Messianic role. But certainly I agree with him that Italy is wasting precious time. Enterprises are shutting down, financial troubles are driving people to suicide, and in response the politicians are postponing the difficult decisions.

The boat is sinking. We don’t need commissions of sages; we just need wise, concrete decisions now. Time has run out.

TRADUZIONE

“FATE PRESTO” fu il titolo di apertura de Il Sole 24 Ore del 10 novembre 2011, nei giorni in cui Silvio Berlusconi rassegnò le dimissioni a causa della drammatica crisi economica dell’Italia. Lo stesso titolo fu già utilizzato nel 1980, in seguito ad un terribile terremoto che sconvolse il paese. Oggi, nel 2013 e cioè a quasi un anno e mezzo dalla nomina di un governo tecnico con il compito di scongiurare per l’Italia uno “scenario greco”, l’ SOS che giunge dal paese non è mai stato così urgente.

L’Italia di oggi è paralizzata. Quarantacinque giorni dopo le elezioni di febbraio il paese è ancora senza un governo. L’accordo de facto raggiunto prevede dapprima il voto per il nuovo Presidente della Repubblica, poi per il governo (oppure, in alternativa, sarà il neo-eletto Capo dello Stato a farsi carico d’indire nuove elezioni). Nel frattempo il governo Monti resta in carica, uno scenario indesiderato dai principali gruppi politici (Partito Democratico, Popolo della Libertà e Movimento 5 Stelle), e un comitato di dieci “saggi” incaricato dal Presidente Napolitano sta provando a formulare proposte condivise sul piano delle riforme economiche e istituzionali. Uno stallo, una paralisi totale.

Il Vice-Presidente della Commissione Europea, Olli Rehn, che ha di recente incontrato Mario Monti per discutere dei pagamenti dilazionati, ci ha voluto ricordare che “the accelerated repayment of commercial debt to Italian enterprises it is a matter of utmost urgency.” Questo appello appare particolarmente calzante dal momento che i problemi economici dell’Italia sono legati ad una perdita di competitività nel lungo termine e alle imposizioni finanziarie eccessivamente stringenti per famiglie e imprese. Al fine di superare questo stallo sia politico che economico, il paese deve presentare un programma di stabilità durante il corso di questo mese. Il governo Monti ha già sbloccato 40 miliardi di euro di debito commerciale a beneficio delle imprese italiane (mi chiedo perché questo non sia stato fatto prima – naturalmente c’era la necessità di convincere i nostri partner europei della nostra credibilità, affinché ci concedessero qualche flessibilità nell’interpretazione del Patto di Stabilità, ma questo è diventato un punto di discussione solo nell’ultima settimana: perché?). Inoltre, non è apparso chiaro quanti soldi lo Stato debba esattamente trasferire alle imprese. Stime ufficiali dicono 70 miliardi di euro, ma ogni giorno riparte la lotteria su questi dati: 90, 100, 120 milairdi. Questo non è più accettabile. Arrivati ad un tale momento cruciale non c’è la percezione dell’urgenza di un intervento.

Ciò che preoccupa maggiormente è lo scenario che si sta delineando: la crisi politica del paese si trascinerà ancora per almeno diverse settimane, essendo inestricabilmente legata all’elezione del successore del Presidente Napolitano. Anzichè superare le divisioni, le forze politiche continuano ad essere discordi su tutto, dal nome del possibile candidato alla presidenza fino alle riforme o ai costi del caffé per i parlamentari alla buvette della Camera.

La decisione del Capo dello Stato di affidare il compito di trovare un accordo sulle principali riforme economico-istituzionali ad un gruppi di dieci saggi (tutti uomini), forse nel tentativo disperato di risolvere i contrasti tra tutti i partiti, si è rivelata essere un modo di posticipare la creazione di un governo, attuare riforme concrete e implementare le misure più urgenti. La storia italiana ci insegna che questo genere di commissioni non funzionano. Di più, esse non rappresentano l’attuale società italiana (la maggior parte dei membri delle due commissioni di saggi nominate sono uomini, e, con poche eccezioni, sono stati attivamente parte della politica tradizionale degli ultimi venti anni).

L’altra opzione che il Presidente Napolitano aveva considerato era di terminare il proprio mandato con un mese di anticipo, al fine di consentire al neo-eletto Capo dello Stato di indire nuove elezioni. (Secondo la Costituzione italiana il Presidente non può sciogliere una o entrambe le Camere del Parlamento durante gli ultimi sei mesi del suo mandato, il cosiddetto “semestre bianco”). Napolitano ha deciso di non dimettersi in seguito alle pressioni ricevute sia dall’Europa, in particolar modo dal Presidente della BCE Mario Draghi, sia dagli Stati Uniti. Tutti sono spaventati dalle possibili conseguenze economiche che le sue dimissioni potrebbero provocare. Ancora una volta Napolitano s’è fatto carico dell’insostenibile stallo per il bene del paese. Lo stesso non si può invece dire dei partiti politici.

Senza dubbio gli interessi particolari dei partiti hanno avuto la precedenza sul perseguimento del bene comune dell’Italia. Le ultime elezioni hanno portato alla formazione di tre blocchi, nessuno dei quali ha ottenuto sufficiente supporto per governare in autonomia. Mentre il paese affonda, il Movimento 5 Stelle ha deciso che il suo tsunami deve arrivare sino allo smantellamento definitivo del sistema (il loro obiettivo è l’attuale regime politico, ma sono pronta a scommettere che presto la comunità economica sarà presa di mira, forse seguita dai mezzi di comunicazione). Grillo ha detto a chiare lettere che il Movimento mira ad ottenere il 100% dell’elettorato, ma la realtà è che se ci saranno nuove elezioni Silvio Berlusconi potrebbe farcela per la quinta volta.

Il Partito Democratico, che sta passando un periodo particolarmente problematico anche dal punto di vista dei suoi equilibri interni, cambierà i suoi vertici. Il candidato “naturale” per la Segreteria sarebbe Matteo Renzi, che ha già inziato la sua campagna elettorale. Renzi, 38 anni, lo scorso dicembre ha perso le primarie del partito a favore di Pierluigi Bersani. Il sindaco di Firenze è giovane e ambizioso, ma allo stesso tempo ha esperienza politica e forti doti comunicative (capacità che sono state esclusivo monopolio di Berlusconi negli ultimi ventanni). Viene percepito come potenzialmente in grado di cambiare le carte in tavola, recuperando voti confluiti nel Movimento 5 Stelle così come nel centro-destra.  Resta da vedere se Renzi sarebbe davvero un innovatore – dopotutto lo stesso Berlusconi scese in politica nel 1994 dopo un altro tsunami (Mani Pulite), quindi sarei molto cauta prima di attribuire a chiunque il titolo di nuovo Messia. Certamente concordo con Renzi quando afferma che l’Italia sta sprecando tempo prezioso. Le imprese stanno chiudendo, i problemi finanziari stanno portando le persone fino al gesto estremo del suicidio e l’unica risposta giunta sinora dai politici è l’aver rimandato le decisioni più controverse. La barca sta affondando. Non abbiamo bisogno di commissioni di saggi; noi abbiamo solo bisogno di sagge e concrete decisioni adesso. Il tempo è scaduto.

21/03/2013

Italia: un cambiamento reale e duraturo è realizzabile, Silvia Francescon, 20 marzo

download

Italy: real and lasting change is possible

Tomorrow  the “first comer-but not winner” of the Italian elections, Pier Luigi Bersani will meet the Head of State, Giorgio Napolitano, to receive a full or explorative mandate to create a new government. Bersani’s “mission-almost-impossible” will be to ensure a majority (that can survive a confidence vote) in the Senate (he already has a majority in the Lower House). The options do not seem promising.

Berlusconi’s PDL has appealed Bersani to go for a “grand coalition” capable of implementing measures considered urgent for the country. However the Democratic Party has repeatedly rejected the offer: its leftish anti-Berlusconi basis would never understand what Italians call the “inciucio” (although it would be interesting to see if it refused working with the PDL as a whole, or just Berlusconi). Without PDL support, Bersani’s option would be Monti, but this is incompatible with his leftish ally Ecology and Freedom that has fiercely opposed Monti’s stringent austerity measures. Excluding Monti, there is the Northern League: Berlusconi’s ally, and greatly reduced in strength after the last elections. However this option has also been closed out by the election of Laura Boldrini, a former spokesperson for the UN high Commissioner for refugees who is extremely active on migration issues, as President of the Lower House. This leaves Bersani with the a final option: Beppe Grillo’s 54 senators.

This is the moment when we will discover whether Grillo will take responsibility for the votes he received, for Italy and for serious change.

Last Saturday 10 “Grillini” senators bent the rules. They defied the decision of the Five Star Movement not to vote for any of the two remaining candidates for the Presidency of the Senate: Renato Schifani, who has accompanied Berlusconi since the beginning of his long political adventure;and the former national anti-mafia prosecutor Pietro Grasso, now with the Democratic Party. Their votes helped Grasso to win.

Since the vote those 10 senators have been under fire from the Movement. In response they said they could never go back to Sicily if they contributed to the re-election of Schifani instead of an anti-mafia icon. They have been brave enough to show that change can happen. Yes, it can happen in Italy too and it can happen now.

Today two of Italy’s highest election officials are not from the system that Grillo wants to dismantle. Laura Boldrini (the third woman in Italian history to become the President of the Lower House), 51, is the former spokesperson for the UN high Commissioner for refugees. Pietro Grasso has spent his life fighting mafia and corruption in the South of Italy, often together with the two mafia martyrs Giovanni Falcone and Paolo Borsellino. One of the first concrete actions they have taken has been to reduce their own salary by 30 percent – with official salaries an emotive issue in modern Italy. Now it is time for them to show an institutional commitment that goes beyond their previous experience.

It would be a shame if Italy and its parliamentarians do not show responsibility to create a government and allow the change that has already started to become more consistent. While there is a big fuss by the media around the Grillini in the parliament, Italy has to take immediate economic measures and to find solutions to unemployment, a credit crunch, tax evasion, and corruption.

Europe is waiting for the sleeping beauty to wake up, to give a strong signal that its credibility is durable (credit for its restoration must go to Mario Monti) and to be told who is going to be the interlocutor who will have to bear the burden of sustaining reform.

While the South of Europe is burning, Italy cannot waste too much time on its own internal dynamics. There is already one important deadline Italy has to meet soon: by April it has to present to the European Commission a realistic and detailed liquidation plan of its overdue commercial debt (€70 billion) that the state has to pay to enterprises – a crucial element for re-launching growth.

Who is going to present this plan? It has to be a reliable and influential government. The credibility of a government is not just an internal matter: it is the key factor that allows a country to be trusted by its European partners and to be guaranteed some flexibility that otherwise would not be conceded.

In her inaugural address, the new President of the Lower House, Laura Boldrini, recalled that “Italy is one of EU founders and historical supporters of the integration process… it is showing genuine commitment to change … The incoming government has an important task: turn Europe back in to a common dream and restore the mission and vision once envisaged and promoted by Altiero Spinelli”; while her new colleague Pietro Grasso declared that “Europe is not only about economy and crisis, but also about crossroads of cultures and people and there is a need to go back to these values.”

This shows how Europe is the Polestar for the new Italian institutions and at the same time how important the change that is occurring in Italy will be for Europe too. The conditions are there, and there has never been such a moment like this in Italy. If Italy is unable to create a new government, this historic opportunity could be wasted and the country could fall into a deep crisis. It is time to turn the rhetoric of change into real politics. The composition of both chambers has been significantly modified, and in an unprecedented way. If we have a look, for example, at the proportion of seats allocated to women, in comparison to 2008 there has been an increase from 21 percent to 32 percent in the Chamber of Deputies and from 19 percent to 30 percent in the Senate. The average age in parliament is now 48 – seven years less than in 2008.

The positive changes that have occurred must be kept. We give credit to the Five Star Movement for having initiated this process and having forced traditional parties to make a change that perhaps would not have occurred otherwise. At the same time it is de facto responsible for the threat of instability the country is facing: its leader Beppe Grillo has so far rejected every possible compromise.

However, it is time to put an end to this paradoxical moment of being both in a post-election and in pre-election moment. Time for slogans and campaign language is over. Italy cannot afford it, as well as Europe cannot wait any longer for its founding member to wake up.

Traduzione

Pier Luigi Bersani che, pur arrivando primo nelle ultime elezioni senza esserne reale vincitore, incontrerà il Capo di Stato, Giorgio Napolitano, per ricevere da lui il mandato (pieno o esplorativo) per dare vita al nuovo governo. La missione “quasi-impossibile” di Bersani sarà quella di accertarsi della possibilità di garantire una maggioranza (solida abbastanza da sopravvivere al voto di fiducia) al Senato, già avendola alla Camera. Le prospettive non sembrano essere promettenti.

Il PDL di Silvio Berlusconi ha fatto appello a Bersani affinché dia vita ad una grande coalizione in grado di implementare le misure considerate più urgenti per il Paese. Tuttavia il Partito Democratico ha più volte rifiutato questa proposta: la parte più di sinistra e anti-berlusconiana del partito non comprenderebbe le ragioni di ciò che gli italiani chiamano “inciucio” (benché sarebbe interessante capire se il rifiuto sarebbe  indirizzato anche nei confronti di un PDL senza Berlusconi). Senza il supporto del PDL, la scelta di Bersani potrebbe cadere su Mario Monti, ma quest’opzione risulta incompatibile con l’orientamento del suo alleato, Sinistra Ecologia e Libertà, da sempre  sempre opposto alle stringenti misure di austerità imposte dal governo guidato da Monti stesso. Escludendo dunque quest’ultimo, resta da considerare la Lega Nord, alleata di Berlusconi e drasticamente ridotta alle ultime elezioni. Anche questa soluzione è stata esclusa con l’elezione a Presidente della Camera di Laura Boldrini, precedentemente portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), particolarmente attento alle questioni legate all’immigrazione. Questo lascia dunque Bersani con un’ultima scelta: i 54 senatori eletti nelle fila di Beppe Grillo.

Ora è arrivato il momento di capire se Grillo si assumerà la responsabilità dei voti ricevuti a beneficio dell’Italia e di un profondo cambiamento. Sabato scorso, dieci “grillini” hanno rotto le regole. Hanno sfidato la decisione concordata in seno al Movimento5Stelle di non votare per nessuno dei due candidati proposti alla Presidenza del Senato: Renato Schifani, il quale ha accompagnato Silvio Berlusconi sin dall’inizio della sua lunga parabola politica; e l’ex procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso, ora candidatosi con il Partito Democratico. I voti dei senatori grillini hanno consentito a quest’ultimo di vincere nella corsa per la seconda carica dello Stato.

I 10 senatori grillini sono stati travolti dal fuoco amico del Movimento. Per tutta risposta, hanno replicato che non avrebbero mai potuto fare ritorno in Sicilia se avessero contribuito alla ri-elezione di Schifani al posto di un simbolo dell’antimafia nazionale. Quei senatori sono stati coraggiosi abbastanza da dimostrare che davvero un cambiamento può avvenire. Sì, può avvenire anche in Italia e può avvenire adesso.

Oggi due tra le più importanti cariche istituzionali elette non provengono dal sistema partitico che Grillo vuole smantellare. Laura Boldrini (la terza donna ad occupare il posto di Presidente della Camera nella storia della Repubblica italiana), 51 anni, è stata portavoce dell’UNHCR. Pietro Grasso ha dedicato la sua vita alla lotta alla mafia e alla corruzione nel Sud Italia, avendo collaborato anche con due vittime delle mafie: Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Una delle prime decisioni concrete prese dai due neo Presidenti è stata la riduzione del 30% delle proprie retribuzioni – essendo questo un tema particolarmente dibattuto oggi in Italia. E’ dunque venuto il momento di farsi carico di un impegno istituzionale che va oltre le loro precedenti esperienze professionali e umane.

Sarebbe davvero un peccato se l’Italia e i suoi parlamentari non si assumessero la responsabilità di formare un governo e non permettessero a quel graduale mutamento gia iniziato di consolidarsi. Benché ci sia una gran fibrillazione da parte dei media attorno ai grillini in Parlamento, l’Italia deve soprattutto prendere immediate misure economiche e trovare soluzioni ai problemi della disoccupazione, alla stretta creditizia, all’evasione fiscale e alla corruzione.

L’Europa è in attesa che la bella addormentata si svegli, che trasmetta in modo inequivocabile il segnale che la sua credibilità è solida (e di questo si deve accordare il merito a Mario Monti) e possa affermare che colui che è destinato ad essere l’interlocutore dovrà farsi carico di proporre riforme sostenibili.

Mentre il sud dell’Europa sta bruciando, l’Italia non può perdere troppo tempo a curarsi dei propri equilibri interni. Già l’attende un’importante scadenza da affrotare molto presto: in aprile il governo dovrà presentare all’attenzione della Commissione europea un piano, realistico e ben dettagliato, di liquidazione del proprio debito commerciale (€70 miliardi) che lo Stato deve pagare alle imprese – un fattore cruciale per il rilancio della crescita economica.

Chi presenterà questo piano? Dovrà essere un governo affidabile e influente. La credibilità di un governo non rappresenta solamente una questione di natura interna: è il fattore chiave che consente ad un Paese di ottenere la fiducia dei propri partner europei e di garantirsi un margine di flessibilità che non gli sarebbe concesso altrimenti.

Nel suo messaggio d’insediamento, il neo Presidente della Camera Laura Boldrini ha ricordato che “L’Italia fa parte del nucleo dei fondatori del processo di integrazione europea. Dovremo impegnarci ad avvicinare i cittadini italiani a questa sfida, a un progetto che sappia recuperare per intero la visione e la missione che furono pensate con lungimiranza da Altiero Spinelli. Lavoriamo perché l’Europa torni ad essere un grande sogno, un crocevia di popoli e di culture, un approdo certo per i diritti delle persone”; d’altro canto, il collega, Pietro Grasso, ha dichiarato che “siamo tra i fondatori dell’Unione, il nostro compito è portare nelle istituzioni comunitarie le esigenze e i bisogni dei cittadini. L’Europa non è solo moneta ed economia, deve essere anche incontro di popoli e culture.”.

Tutto ciò mostra come l’Europa sia la Stella polare per le nuove istituzioni italiane e, allo stesso tempo, quale grande rilevanza assuma il cambiamento che sta avvenendo in Italia per l’Europa stessa. Le condizioni sono propizie e mai si è verificato in Italia un simile momento. Se l’Italia non sarà in grado di dar vita a un nuovo governo, quest’opportunità storica potrebbe andare sprecata e il Paese potrebbe crollare in una profonda crisi. È venuto il momento per mutare la retorica del cambiamento in politica concreta. La composizione di entrambe le Camere è stata sostanzialmente modificata, e in un modo che non si era mai verificato sinora. Ad esempio, se si dà uno sguardo alla proporzione dei seggi assegnati alle donne rispetto alle elezioni del 2008, ci si accorge di una crescita dal 21% al 32% nella Camera dei deputati e dal 19% al 30% nel Senato. L’età media nel Parlamento, inoltre, è ora di 48 anni – cioè sette anni in meno rispetto alla media del 2008.

I mutamenti positivi che sono avvenuti devono essere conservati. Riconosciamo al Movimento5Stelle il merito di aver avviato questo processo e spinto i partiti tradizionali a fare un cambiamento che probabilmente non avrebbe altrimenti avuto luogo. Allo stesso tempo, il Movimento è responsabile de facto della minaccia di instabilità che affligge il Paese: il suo leader, Beppe Grillo, ha sinora rifiutato qualsivoglia forma di compromesso.

Tuttavia, è il momento di porre fine a questo periodo che può paradossalmente definirsi sia post- che pre-elettorale. Il tempo degli slogan e della propaganda è finito. L’Italia non può più sopportarlo, così come l’Europa non può attendere oltre il risveglio di uno dei suoi membri fondatori.

14/03/2013

La visione italiana dell’Europa, un commento di Silvia Francescon sui risultati forniti dall’ultimo Eurobarometro

 

Monti rompuy 2

Foto: euractiv.it

Rome view: a different Europe?

Despite widespread concern about Italy’s political uncertainty and its way to get out of the gridlock, what emerges from the latest Eurobarometer is that Italians seem to want more Europe. Although confidence in the EU has fallen in most of the polled countries (see this blog post by my colleague José Ignacio Torreblanca), when asked about leaving the Union and the single currency, the answer was mostly “no”. Only one percent of the 10,321 Italians interviewed expect the country to leave the EU, and the euro is considered (although only by 31 percent) the second biggest achievement of the Union after the free movement of people, goods and services.

Solving the euro crisis continues to be an important issue for many. 59 percent of Italian respondents expect the EU to be involved in finding a solution (ten points above the average, although four below the results of the previous poll in May 2012). But despite the improvement in the situation by the end of 2012 it’s clear that the crisis may be changing how Europeans see the Union (President Van Rompuy noted that “solving the crisis together is vital as what is at stake is much more than just monetary operations, it is the European project”). Although José Ignacio Torreblanca suggests that “Europe has lost its citizens”, I am more positive (at least about Italy), with my views backed by the latest Eurobarometer, and even the recent election.

51 percent of Italian respondents still consider themselves European citizens (last time the figure was below 50 percent). While no significant patterns emerge on the basis of gender or age, there is a noticeable disparity between the 66 percent of managers, the 44 percent of unemployed and the 42 percent of retired people. European citizenship receives also higher support from the most educated segment and is higher in the north east of the country (60 percent), compared to the 39 percent from central Italy. Despite the overall figure being remarkably high given the impact of the crisis in Italy, it is noticeably lower than the 74 percent recorded in Germany and Poland.

This positivity towards Europe is capital that should not be wasted. We need to work on a double track, taking immediate and concrete action as well as working towards a wider vision.

On the first track we have already two opportunities: the renegotiation of the EU budget for 2014-2020 (rejected by the European Parliament earlier today), and the next European Council, which will take place from tomorrow (14-15 March). Unfortunately, in rejecting the budget the European Parliament did not question the overall spending set by the EU leaders last February: it only placed some conditionalities[1]. Last month EU leaders all claimed victory for their own country over the budget negotiations. Mario Monti, for example, said he was glad he managed to save €500 million for Italy. But this was just a Pyrrhic victory. Cutting the EU budget will not help creating the “more Europe” leaders claim to want. These cuts will bind Europe for the next seven years, but at least the Parliament may succeed in obtaining a review clause which allows for mid-term assessment for the next budget period.

Tomorrow’s European Council, which will take place one year after the adoption of the fiscal compact, should start a “second phase” devoted to growth, flexibility and fighting unemployment. It will be the last European Council for Mario Monti as Italian Prime Minister. Monti has already held consultations with the “first comer-but not winner” of the elections, Pier Luigi Bersani. The two discussed what is in the interests for Italy and for “more Europe”, agreeing that the social dimension of the crisis needs to find its place on the leaders’ discussion table.

The importance of the social dimension is a crucial point that has been disregarded since the beginning of the crisis. Economists tell us that fiscal austerity measures coupled with structural reforms are working, and that we just need more time and should be patient. But, as the electoral vote shows, there is no more time and no more patience. The process has already taken too long, and further delays with unbearably high social costs may take too long to prevent a revolution (youth unemployment is currently running at 40 percent). This is why a success for Italy and for Europe as a whole at this coming Council would be more flexibility. In particular Italy needs to come home with a real victory, not a Pyrrhic one, such as the possibility to exclude certain elements from the public debt calculation, such as investments for youth employmen and debts owed by public administrations to businesses (which in Italy amount to €71 billion). This would relaunch the whole Italian system much more than any cut to the European budget. Whether the European partners will agree on such a concession is still as uncertain as the future of Italy itself: European leaders may want more guarantees on who is going to run the country and make the best use of such flexibility.

These are quick actions that can be taken in a very short period of time. But, as I said, we also need vision. We need to be clear about what kind of Europe we want. It seems that, at least in Italy, both citizens and the business community are asking for a real political union. Again, according to the Eurobarometer, the euro is perceived by Italians as a means to an end, an instrument to create more Europe and not a stand-alone goal. The Eurobarometer figures show a strong demand for more Europe, for a different kind of Europe, for a more democratic Europe: a Europe that at the moment is only dreamed of, that takes care of the real economy and real life, rather than only fiscal policies. All this fits perfectly with the outcome of the Italian February elections. As I have already argued the message is a clear demand for change for both Italy and for Europe. There is no anti-Europeanism in there. Italians simply want a different Europe, with less austerity, more flexibility and investments in the real economy, and a radical change towards a united, not asymmetrical, Europe.


[1] 1) Member States should cover €14 billion in accumulated payment requests this year; 2) flexibility for the re-allocation of unspent funds from one budget heading to another and from one year to the next; 3) a review clause, which would allow the Commission to conduct a mid-term assessment for the next budget period; 4) increased revenue, for example from a tax on financial transactions.

Traduzione:

Nonostante la diffusa preoccupazione per l’incertezza politica in Italia e per la modalità d’uscita da questa situazione di stallo, ciò che emerge dall’ultimo Eurobarometro è che gli italiani sembrano volere più Europa. Anche se la fiducia nell’Unione Europea è diminuita nella maggior parte dei paesi intervistati (si veda l’articolo del mio collega José Ignacio Torreblanca), quando viene chiesto se si voglia lasciare l’Unione e la moneta unica, la risposta è stata per lo più “no”. Solo l’uno per cento dei 10.321 italiani intervistati vogliono che il paese lasci l’Unione europea, e l’euro è considerato (anche se solo per il 31 %), il secondo traguardo più grande dell’Unione Europea dopo la libera circolazione delle persone, delle merci e dei servizi.

La crisi dell’euro continua a essere un problema importante per molti. Il 59% degli intervistati italiani si aspetta che l’Unione si impegni nella ricerca di una soluzione (dieci punti al di sopra della media europea, anche se quattro in meno rispetto ai risultati del sondaggio precedente del maggio 2012). Tuttavia, nonostante il miglioramento della situazione verso la fine del 2012, è chiaro che la crisi potrebbe cambiare come gli europei vedono l’Unione Europea (il Presidente Van Rompuy ha osservato che ” è di vitale importanza risolvere la crisi tutti insieme poiché ciò che è in gioco è molto più di semplici operazioni monetarie, è il progetto europeo”). Anche se José Ignacio Torreblanca suggerisce che “l’Europa ha perso i suoi cittadini”, sono più ottimista (almeno per l’Italia).

Il 51% degli intervistati italiani ancora si considera cittadino europeo (l’ultima volta la cifra era inferiore al 50%). Anche se non emergono modelli significativi sulla base del sesso o dell’età, vi è una notevole disparità tra la percentuale del 66 dei manager, il 44% dei disoccupati e il 42% dei pensionati. La Cittadinanza europea riceve anche maggiore sostegno da parte dei più istruiti e soprattutto nel nord-est del paese (il 60%), rispetto al 39% in centro Italia. Nonostante il dato complessivo sia molto elevato, considerato l’impatto della crisi in Italia, è notevolmente inferiore al 74% registrato in Germania e Polonia.

Questo atteggiamento postivo nei confronti dell’Europa è una risorsa che non dovrebbe essere sprecata. Dobbiamo lavorare con una doppia strategia, prendendo un’iniziativa immediata e concreta da un lato, mentre lavoriamo per obiettivi più vasti.

Sul primo piano abbiamo già due possibilità: la rinegoziazione del quadro finanziario pluriennale dell’UE per il 2014-2020 (appena respinto dal Parlamento europeo), e il prossimo Consiglio europeo, che si terrà da oggi (dal 14 al 15 marzo). Purtroppo, nel respingere il bilancio il Parlamento europeo non ha contestato la spesa stabilita dai leader europei lo scorso febbraio nella sua totalità: ha solo posto alcune condizioni. Il mese scorso, i leader europei hanno tutti cantato vittoria per il loro paese nei negoziati sul bilancio. Mario Monti, per esempio, si è dichiarato soddisfatto per essere riuscito a risparmiare 500 milioni di euro per l’Italia. Era soltanto una vittoria di Pirro. Il taglio del bilancio dell’UE non aiuterà la creazione di “più Europa” che i leader affermano di volere. Questi tagli vincoleranno l’Europa per i prossimi sette anni, ma almeno il Parlamento potrebbe riuscire ad ottenere una clausola di revisione che permetta una valutazione a medio termine nel prossimo periodo di bilancio.

Il Consiglio europeo di domani, che si terrà un anno dopo l’adozione del Patto Fiscale, dovrebbe avviare una “seconda fase” dedicata alla crescita, alla flessibilità e alla lotta contro la disoccupazione. Sarà l’ultimo Consiglio europeo di Mario Monti come Primo Ministro italiano. Monti si è già consultato con il “primo classificato, ma non vincitore” delle elezioni, Pier Luigi Bersani. I due hanno discusso ciò che è negli interessi dell’Italia e che sia per “più Europa”, concordando sul fatto che la dimensione sociale della crisi debba essere discussa dai leader.

L’importanza della dimensione sociale è un punto cruciale, ignorato dall’inizio della crisi. Gli economisti ci dicono che le misure di austerità fiscale associate alle riforme strutturali stanno funzionando, e che abbiamo solo bisogno di più tempo e dobbiamo essere pazienti. Ma, come mostrano gli esiti elettorali, non ci sono più né tempo né pazienza. Ci abbiamo già messo troppo tempo e ulteriori ritardi con costi sociali insopportabilmente elevati potrebbero durare troppo a lungo per evitare una rivoluzione (la disoccupazione giovanile è attualmente al 40%). È per questo che una maggiore flessibilità rappresenterebbe un successo in questo prossimo Consiglio, sia per l’Italia che per l’Europa nel suo insieme. In particolare, l’Italia ha bisogno di tornare a casa con una vittoria reale, non una vittoria di Pirro, ad esempio con la possibilità di escludere taluni elementi dal calcolo del debito pubblico, come gli investimenti per l’impiego giovanile e il debitp delle amministrazioni pubbliche nei confronti imprese (che ammonta a 71 miliardi di euro). Ciò rilancerebbe l’intero sistema italiano molto più di qualsiasi taglio al bilancio europeo. E’ ancora incerto se i partner europei saranno d’accordo su tale concessione, come lo è il futuro della stessa Italia: i leader europei potrebbero esigere maggiori garanzie da parte di chi sta per governare il paese e se possa usare al meglio tale flessibilità.

Si tratta di azioni rapide che possono essere messe in pratica in un periodo di tempo molto breve. Ma, come ho detto, abbiamo anche bisogno di una visione. Dobbiamo essere chiari sul tipo di Europa che vogliamo. Sembra che, almeno in Italia, sia i cittadini che gli operatori economici chiedano una vera unione politica. Ancora una volta, secondo l’Eurobarometro, l’euro è percepito dagli italiani come un mezzo per un fine, come uno strumento per creare più Europa e non a sé stante. I dati dell’Eurobarometro mostrano una forte domanda di più Europa, per un’Europa diversa, per un’Europa più democratica: l’Europa che al momento è solo sognata, che si occupa dell’economia reale e della vita reale, più che delle politiche fiscali. Tutto questo si sposa perfettamente con il risultato delle elezioni italiane di febbraio. Come ho già sostenuto, il messaggio lanciato dalle elezioni è una chiara richiesta di cambiamento all’Italia e all’Europa. Non vi è alcun anti-europeismo. Gli italiani vogliono semplicemente un’Europa diversa, con meno austerità, con maggiore flessibilità e con investimenti nell’economia reale, e un cambiamento radicale verso un’Europa unita, non asimmetrica.

11/03/2013

Il messaggio dell’Italia all’Europa, di Silvia Francescon

NapolitanoBerlino

 

Foto: Archivio del Quirinale

Italy’s message for Europe

The significance of Italy’s election result should not be underestimated.  But Italy’s election outcome is far more positive than many realise. The outcome of the Italian elections caused quite a bit of confusion and sometimes rather hysterical reactions from the markets (which is perhaps understandable) and from European partners (which is much less understandable!). As Europe’s third largest economy Italy’s political instability is a European concern. As we all know, Italy is too big to fail – and even if we imagine for one second that such a remote scenario is likely, it should be clear that the effects of such a collapse would hurt almost all Member States and would certainly be a huge disaster for Europe as a whole.

In April Giorgio Napolitano’s term as president of Italy will come to an end. To conclude his seven year mandate his last state visit brought him to Germany. It was a wise decision and his mission was clear: He wanted to reassure the markets and Angela Merkel that Italy was stable and that reforms would continue. Not surprisingly, the elections overshadowed his visit. Nobody could have predicted the electoral tsunami. If Bersani had won a majority in both houses Napolitano could have portrayed him as a Monti II – he could have told Angela Merkel that the reforms would continue, Italy would be a fiscally responsible country and a new labour law would soon be passed.

Following the ‘clown’ remarks of Peer Steinbrueck (the SPD chancellor candidate described Beppe Grillo and Silvio Berlusconi as clowns and populists that won the elections) President Napolitano cancelled the scheduled dinner with him. This diplomatic incident is certainly not a good sign for cooperation and mutual understanding and trust between Italy and Germany. While it is perfectly normal to comment on the election outcomes, Napolitano was right to react in this way. The harsh criticism of the Italy’s election outcome continued on the cover of last week’s  Economist – I don’t think this is a fair description of the Italian reality.

Although Italy’s political reality is not easy to understand at first glance, foreign commentators and politicians should try to provide a more in-depth analysis. Berlin’s approach – “I teach, you learn and execute” – is not a constructive one and it is understandable that voters in Italy do not approve of it. Italy’s election result can be understood as a failure of Germany to show constructive leadership.

We should try to understand the message that comes out of the Italian elections, rather than make fun of it. We should reflect whether this message only concerns Italy or whether it is a wakeup call for other countries too – and perhaps for Europe as a whole. Basically, Italians can’t stand austerity anymore. This is a feeling that is shared by many people across Europe – it may be time for Berlin and Brussels to reconsider their policies.

Italy does not have a phenomenon like Golden Dawn in Greece or Jobbik in Hungary. It is also interesting to note that Beppe Grillo quite regularly referred to his ability to catalyse discontent and his interest to develop policies and work on a real programme – unlike other so called populists across Europe. Grillo’s movement managed to bring politics back to those who had lost interest and confidence in Italy’s political system. He managed to transform angry people into active citizens. This should be considered a positive outcome, especially when many political institutions, both on the national and international level, are criticised for a lack of legitimacy.

It is hard to underestimate the feeling of many Italians who for the first time felt like active citizens. During the past 20 years Berlusconi transformed Italy and the political narrative beyond recognition. We should therefore embrace the fact that issues such as participation and legitimacy are back and citizens are taking an active interest in politics – believing that something can be changed. These are precisely the issues Europe should reflect on: democracy and legitimacy.

Perhaps the Italian tsunami could spread through Europe, maybe we will see a continuation of a new kind of politics at next year’s European Parliament Elections. It is also in this spirit that Napolitano gave a speech in Berlin emphasising the importance of a debate about the future of Europe and the prospect for a true ‘political union’:

“If ‘political’ means multitudes of men and women acting in society according to rules based on freedom and solidarity; if ‘political’ means building institutions and then governing them; if ‘political’ means nurturing relations between peoples and between States, then how can we fail to see that the construction of Europe was and is – regardless of the technicalities – a political process resting on political ideals and requiring leadership and political guidance?”.

This message should reassure both Italians and Germans. And instead of labelling domestic politics as a farce we should focus on what is really at stake here: the future of Europe.

Traduzione:

Il significato delle elezioni italiane non va sottovalutato. Il risultato che ne è scaturito è molto più positivo di quanto non si pensi. Gli esiti delle consultazioni elettorali in Italia hanno causato una certa confusione e qualche volta reazioni isteriche da parte dei mercati (il che è comprensibile) e dai partner europei (molto meno comprensibile!). Poichè si tratta della terza economia europea, l’instabilità politica in Italia è un problema dell’Europa. Come tutti sanno, l’Italia è troppo grande per fallire – e anche se immaginassimo per un attimo che un simile scenario fosse possibile, dovrebbe essere chiaro che gli effetti di un simile collasso comprometterebbero quasi tutti gli Stati Membri e costituirebbero un disastro per l’Europa intera.

In aprile il mandato di Giorgio Napolitano come Presidente della Repubblica italiana finirà. A coronamento del suo mandato settennale, il Presidente della Repubblica ha scelto la Germania come luogo dell’ultima visita di stato. E’ stata una decisione saggia e la sua missione è stata chiara: voleva riassicurare i mercati e Angela Merkel che l’Italia è stabile e che le riforme continueranno. Non senza sorpresa, le elezioni hanno messo in ombra la sua visita. Nessuno avrebbe mai previsto un tale tsunami elettorale. Se Bersani avesse ottenuto la maggioranza in entrambe le camere Napolitano avrebbe potuto dipingerlo come un secondo Monti – avrebbe potuto dire ad Angela Merkel che le riforme sarebbero continuate, che l’Italia sarebbe stata un paese fiscalmente responsabile e che sarebbe stata emanata in breve tempo una nuova legge sul lavoro.

A seguito delle osservazioni di Peer Steinbrueck (il candidato cancelliere dell’SPD era infatti detto inorridito dalla vittoria di due clown, riferendosi a Beppe Grillo e a Silvio Berlusconi), il Presidente Napolitano ha cancellato la cena in agenda con Steinbrueck stesso. Questo incidente diplomatico non è certo un buon segno di cooperazione e comprensione reciproca tra Italia e Germania. Nonostante sia perfettamente normale commentare i risultati elettorali, Napolitano ha reagito nel modo giusto. Il duro criticismo riguardo all’esito del suffragio italiano è continuato sulla copertina dell’Economist della scorsa settimana. Non penso che questa sia una descrizione corretta della realtà italiana.

Anche se la situazione politica italiana non è facile da comprendere a un primo sguardo, i commentatori e i politici stranieri dovrebbero fornire analisi più profonde. L’approccio di Berlino – “Ti insegno, tu impari e poi agisci” – non è costruttivo ed è comprensibile che gli elettori in Italia non lo approvino. Le elezioni italiane possono essere interpretate come un fallimento della Germania nell’indicare una via costruttiva.

Dovremmo provare a comprendere il messaggio che proviene dale elezioni italiane, piuttosto che prendercene gioco. Dovremmo capire se questo messaggio riguardi solo l’Italia o se sia un campanello d’allarme anche per gli altri paesi – e forse anche per l’Europa intera. In pratica, gli italiani non possono più sopportare le misure di austerità. Questa è una sensazione che è condivisa da molte persone in Europa: potrebbe essere giunto il momento, per Berlino e Bruxelles, di riconsiderare le loro politiche.

In Italia non ci sono fenomeni comparabili ad Alba Dorata in Grecia o allo Jobbik in Ungheria. E’ anche interessante notare come Beppe Grillo abbia regolarmente fatto riferimento alla propria abilità nel catalizzare lo scontento e al suo interesse nello svluppare le politiche e a lavorare su un programma reale – a differenza di altri cosiddetti populisti in Europa. Il movimento di Grillo è riuscito a riportare l’interesse nella politica verso coloro che hanno perso interesse e fiducia nel sistema politico italiano. Grillo è riuscito a trasformare gente arrabbiata in cittadini attivi. Questo dovrebbe essere considerato un risultato positivo, specialmente quanto molte istituzioni politiche, sia a livello nazionale che internazionale, sono criticate per mancanza di legittimazione.

E’ difficile sottovalutare il sentimento di molti italiani che per la prima volta si sono sentiti cittadini attivi, Durante gli ultimi vent’anni, Berlusconi ha trasformato l’Italia e la narrazione politica oltre ogni riconoscibilità. Dovremmo quindi accogliere benevolmente il fatto che questioni come la partecipazione e la legittimità siano tornate e che i cittadini stiano avendo un interesse attivo per la politica – credendo che qualcosa possa essere cambiato. Questi sono esattamente i temi sui quali l’Europa dovrebbe riflettere: democrazia e legittimità.

Forse lo tsunami italiano potrebbe diffondersi in Europa e magari vedremo la continuazione di un nuovo tipo di politica nelle prossime elezioni del Parlamento europeo. E’ anche in questo spirito che Napolitano ha parlato a Berlino enfatizzando l’importanza di un dibattito sul futuro dell’Europa e la prospettiva di una vera “unione politica”.

“Se politico significa moltitudini di uomini e donne che agiscono nella società secondo regole basate sulla libertà e la solidarietà; se politico significa costruire istituzioni e poi governarle, se politico significa nutrire relazioni tra popoli e Stati, allora come possiamo non vedere che la costruzione dell’Europa era, ed è – al di là dei tecnicismi – un processo politico che nasce da idee politiche e che necessita una guida politica?”

Questo messaggio dovrebbe rassicurare sia gli italiani che i tedeschi. E, invece di etichettare la politica interna come una farsa dovremmo discutere di che cosa è veramente in gioco qui: il futuro dell’Europa.

21/02/2013

L’Europa nella campagna elettorale italiana: un’analisi di Silvia Francescon

_farnesina4

Archivio fotografico ANSA

Italy’s European election

Italians will go to the polls on Sunday to vote for a new parliament. But something is different this time: for the first time in an Italian election “Europe” seems to be playing a central role. I was interested in how exactly the main candidates use “Europe” in their campaigns – so here is a quick overview:

The euro crisis is obviously the most cited explanation of why Europe plays such a central role. I argued before that Italy risked becoming a country in receivership. Lucia Annunziata, the Editorial Director of the Huffington Post Italia and former Chair of RAI, had another take on this. He argued that the main reason for the Europe debate in Italy is Mario Monti. Before Monti entered the race, traditional parties had no need to engage in a real debate over Europe. Monti’s somewhat unexpected candidacy however prompted all other candidates to respond to the “man of Europe”. While the “technocrat Monti” was supported by a grand coalition, the “political Monti” has been running an aggressive campaign which inevitably involved his main strength: The European question.

Without Monti’s candidacy the electoral debate in Italy could have been a classic bipolar election: On one side the centre-right Berlusconi PDL and the Northern League as the anti-tax coalition that sees Europe as a nasty bureaucracy imposing restrictions on the “country of opportunities”. On the other side, the pro-European Democratic Party have embraced a vision of a United States of Europe – but crucially without a clear strategy on how to reach this goal. This pattern could have remained the basic frame of the Europe debate in Italy. Monti’s candidacy however forced both political forces to take a stronger and a more detailed take on Europe – for better or for worse.

Berlusconi’s attacks Monti mainly because of his European credentials. In particular Berlusconi has criticised Monti’s relationship with Angela Merkel, accusing him to have turned Italy into a German colony. In Berlusconi’s view Monti has been too weak to oppose Merkel’s austerity measures.

Pier Luigi Bersani, the leader of the centre-left coalition, has also become more vocal when it comes to “Europe”. At the height of his electoral campaign he travelled through Europe to build up alliances instead of campaigning on local and national issues. Bersani has been emphasising the need for more European cohesion and advocated a more democratic and participatory vision of Europe: “Europe is seen as a sort of condominium, but the problem is whether it can now become a cooperative, with a shared budget – and more democratic control and participation”. When it comes to Brussels control over government spending and the loss of sovereignty – Bersani said he could agree to this in exchange for greater freedom to boost key economic sectors. His statement tacitly acknowledged that Brussels already plays a more important role in economic policy, even if he did not take a strong position on the budget cut approved at the last European Council. Obviously the budget is the real issue at stake because we cannot ask for a Europe to work efficiently and to play a strong role if we don’t provide it with the right instruments – and a 1% budget is definitely not the right instrument.

Bersani’s European tour proved to be successful enough to gain several endorsements. François Hollande supports him: “For the renaissance it is necessary to leave more space for justice and closer relations between France and Italy. This is why I want to encourage my friend Pier Luigi Bersani and the Italian people to give a sovereign vote for renaissance, not only in Italy, but also in Europe”. Jean-Claude Juncker, stated: “Bersani appears to have the best intentions for Italy”.

It goes without saying that Monti has also placed Europe at the centre of his campaign. His “Agenda for Italy” foresees a more communitarian and less intergovernmentalEurope, he wants to fight populism and favours a social market economy. His ally Pierferdinando Casini, leader of the Christian democratic coalition UDC, who I interviewed recently, even envisages a scenario of political union for Europe, based on Catholic heritage.

Again, it is interesting to see how this political campaign crossed the Italian borders: Monti received full endorsement from Germany, while the President of the European Council, Herman Van Rompuy, said “Mario Monti was and is a great prime minister for Italy. And his efforts in terms of fiscal consolidation and reforms in all the different sectors of the Italian economy are absolutely necessary. We have to continue these policies in any case”. German Finance Minister Wolfgang Schäuble said the country needed to remain on the path of stability charted by technocrat Premier Mario Monti. This triggered outraged reactions from Berlusconi who again accused Merkel of interfering in internal national affairs.

Both Bersani and Monti have personal credibility, but both have challenges ahead. The leader of the Democratic Party needs to reassure  the left-wing partners of his coalition, whose leader, Niki Vendola, will oppose reforms for a more flexible labour market and further EU austerity measures (he took a strong stance against the fiscal compact). Monti has to face unpopularity due to tax increases imposed by his technocratic government and has not yet indicated where he will find the savings needed to diminish it.

How will they overcome these challenges? For The Economist an alliance between Monti and Bersani would be the best option: “The best result would be for Mr Monti to stay on as prime minister, and a government led by Mr Bersani, with Mr Monti in charge of the economy, would be a decent outcome for Italy”.

But there is an outsider in this competition who is going to become a key player: the Five Star Movement (M5S), led by comedian Beppe Grillo, is expected to place around 100 “grillini” in the Parliament. And not surprisingly, Europe is a key feature of the M5S campaign or, to be more precise, anti-European rhetoric. In response to Monti “the man of the banks responsible for the crisis”, Grillo published on his extremely popular blog his 16 points Agenda. Point number 6 is the introduction of a referendum on Italy’s membership in the Eurozone. He does not define himself as anti-European, but wants to change this kind of Europe that he sees as undemocratic, unrepresentative and led by the markets. In any case his anti-Euro message resonates with a big part of the electorate and manages to give a voice to discontent in Italy – not that dissimilar to the situation in Spain, Greece and southern European countries in general.

If we were to find a minimum common denominator on Europe among these candidates, we could argue that they agree that Europe needs reforms and that it lacks proper representation and legitimacy. Will this be enough to start a serious debate on what could be Italy’s role in a “reinvented Europe”? If this campaign had the merit of having introduced Europe to the public debate, much more needs to be said and done after the elections. Clearly, more concrete strategies need to be developed, starting with the European budget but also thinking about the future of Europe: How to improve democratic legitimacy and giving the concept of a “political union” a meaning. Whoever wins the elections will need to do more than just talk about Europe – it is time to do something.

Traduzione:

Gli italiani eleggeranno un nuovo Parlamento. C’è un importante elemento di novità che differenzia quest’elezione dalle precedenti: per la prima volta l’“Europa” sembra occupare un ruolo predominante. Per questo sono interessata di come i principali candidati si riferiscano all’ “Europa” nelle loro campagne elettorali.

La crisi dell’euro è la ragione principale del perché l’Europa  sia diventata un argomento così centrale. In un mio contributo precedente ho già sostenuto che l’Italia rischia di diventare un Paese le cui sorti vengono decise dall’esterno. Lucia Annunziata, Direttore Editoriale dell’Huffington Post Italia, già Direttore della RAI, ha un’altra opinione al riguardo. Ha infatti sostenuto che è Mario Monti il motivo per il quale si ha un dibattito sull’Europa. Prima della sua candidatura, i partiti tradizionali non avevano mai sentito il bisogno di affrontare un vero e proprio dibattito sull’Europa. La candidatura più o meno inaspettata di Mario Monti ha obbligato gli altri candidati a rispondere all’ “uomo dell’Europa”. Mentre il “Monti tecnocrate” era appoggiato da una grande coalizione, il “Monti politico” ha finora svolto una campagna elettorale aggressiva che ha inevitabilmente fatto richiamo alla sua forza principale: la questione europea.

Senza la candidatura di Monti il dibattito elettorale in Italia sarebbe stato quello di una classica competizione bipolare: da un lato il centro-destra con il PDL di Berlusconi e la Lega Nord in qualità di coalizione anti-fiscale che vede l’Europa come una burocrazia che impone restrizioni sul “paese delle opportunità”. Dall’altro lato, il pro-europeo Partito Democratico che abbraccia l’idea della creazione degli Stati Uniti d’Europa, senza avere, tuttavia, una strategia chiara su come raggiungere questo obiettivo. La candidatura di Monti ha quindi forzato entrambe le forze politiche a dare una visione più forte e maggiormente dettagliata sull’Europa, nel bene o nel male.

Berlusconi attacca Monti principalmente per le sue credenziali europee. In particolare, Berlusconi ha criticato le relazioni con Angela Merkel, accusandolo di aver trasformato l’Italia in una colonia tedesca. Secondo Berlusconi, Monti è troppo debole per opporsi alle misure di austerità di Merkel.

Pier Luigi Bersani, il leader della coalizione di centro-sinistra, è a sua volta diventato più incisivo quando si tratta di parlare di “Europa”. All’apice della sua campagna elettorale, ha viaggiato in Europa per costruire alleanze invece di fare propaganda su questioni locali e nazionali. Bersani ha sottolinato il bisogno di una maggiore coesione a livello europeo e ha fatto appello a una visione più democratica e partecipativa dell’Europa: “L’Europa è una sorta di condominio, ma il problema è che l’Europa deve diventare una cooperativa, con un budget condiviso, un controllo e una partecipazione più democratici”. Quanto al controllo di Bruxelles sulla spesa pubblica e alla perdita di sovranità, Bersani ha detto che potrebbe essere d’accordo in cambio di una maggiore libertà nel rafforzare alcuni settori economici. Le sue dichiarazioni sottintendono tacitamente che Bruxelles gioca di già un ruolo nelle politiche economiche, anche se Bersani non ha assunto una posizione precisa sul taglio al quadro finanziario pluriennale stabilito dall’ultimo Consiglio europeo. Ovviamente il budget è la vera questione da affrontare perché non possiamo richiedere all’Europa di lavorare in modo efficiente e di giocare un ruolo forte se non le diamo gli strumenti necessari per farlo. Un budget dell’1% non è decisamente uno strumento adatto.

Il tour europeo di Bersani ha suscitato numerosi apprezzamenti. François Hollande lo sostiene, affermando che: “Per la rinascita è necessario dare più spazio alla giustizia e a un legame più stretto tra Francia e Italia. Questo è il motivo per il quale voglio incoraggiare il mio amico Pier Luigi Bersani e il popolo Italiano a dare un voto sovrano per la rinascita, non solo in Italia, ma anche in Europa”. Jean-Claude Juncker ha detto: “Bersani sembra avere le intenzioni migliori per l’Italia”.

Non c’è bisogno di dire che anche Monti ha incentrato la sua campagna sull’Europa. La sua “Agenda per l’Italia” prevede un’Europa più comunitaria e meno intergovernativa, vuole sconfiggere il populismo ed è a favore di un’economia di mercato che presti attenzione anche alle politiche sociali. Il suo alleato Pierferdinando Casini, leader dell’Unione Democratica di Centro, che ho intervistato di recente, immagina anche un’unione politica dell’Europa, basata su un’eredità cattolica.

D’altra parte è interessante vedere come questa campagna politica abbia superato i confini italiani. Monti ha ricevuto un supporto sostanzioso da parte della Germania, mentre il Presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, ha detto: “Mario Monti è stato e sarà un grande Primo Ministro per l’Italia. E i suoi sforzi in fatto di consolidamento fiscale e riforme nei diversi settori dell’economia italiana sono totalmente necessari. Dobbiamo continuare con queste politiche in ogni caso”. Il Ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schauble ha detto che il paese ha bisogno di restare sul percorso di stabilità intrapreso dal Premier Mario Monti. Questo ha provocato reazioni di sconcerto da parte di Berlusconi che ha nuovamente accusato Merkel di interferire negli affari interni dell’Italia.

Sia Bersani che Monti hanno credibilità personale e dovranno entrambi fronteggiare numerose sfide. Il leader del Partito Democratico deve rassicurare gli alleati dell’ala sinistra della sua coalizione, il cui leader, Nichi Vendola, si opporrà alle riforme volte a un mercato del lavoro più flessibile e a misure di austerità maggiori da parte dell’Unione Europea (si è opposto duramente al fiscal compact). Monti deve affrontare l’impopolarità dovuta all’aumento delle tasse imposto dal suo governo tecnico e non ha ancora indicato dove troverà i fondi per diminuirle.

Come supereranno queste sfide? Per l’Economist, un’alleanza tra Monti e Bersani sarebbe l’opzione migliore: “Il migliore risultato sarebbe che Monti restasse Primo Ministro, tuttavia un governo guidato da Bersani, con Monti all’economia, sarebbe una via d’uscita decente per l’Italia”.

Tuttavia, c’è un outsider in questa competizione elettorale e destinato a diventare un giocatore chiave: il Movimento 5 Stelle (M5S), guidato dal comico Beppe Grillo, che si prevede riceverà circa 100 seggi in Parlamento. Senza sorpresa, l’Europa è un elemento chiave della campagna dell’M5S o, per essere più precisi, la retorica anti-europea. In risposta a un Monti “uomo delle banche responsabili della crisi”, Grillo ha pubblicato sul suo popolarissimo blog una propria Agenda in 16 punti. Il punto numero 6 prevede un referendum sul fatto che l’Italia debba restare o meno parte dell’eurozona. Grillo non si definisce anti-europeo, ma vuole cambiare quest’Europa che vede come non democratica, non rappresentativa e guidata dai mercati. In ogni caso il suo messaggio anti-Euro fa leva su gran parte dell’elettorato e riesce a dare voce allo scontento.

Se, analizzando i vari candidati, dovessimo trovare un minimo comune denominatore sull’Europa tra questi candidati, potremmo dire che sono tutti d’accordo sul fatto che l’Europa abbia bisogno di riforme e manchi di un’appropriata rapprentanza e di legittimità. Sarà abbastanza per iniziare un dibattito serio su quello che potrebbe essere il ruolo dell’Italia in un’ “Europa reinventata”? Se questa campagna ha avuto il merito di inserire l’Europa nel dibattito politico, molto di più andrebbe detto e fatto dopo le elezioni. Chiaramente, andrebbero sviluppate strategie più concrete, a cominciare dal budget europeo ma anche in tema di futuro dell’Europa: come dare maggiore legittimità democratica e come dare significato al concetto di “unione politica”. Chiunque vinca le elezioni dovrà fare di più che parlare di Europa e basta. E’ il momento di fare qualcosa.

21/02/2013

Una guida alle elezioni italiane di Silvia Francescon, Direttrice dell’ufficio di Roma di ECFR

Sondaggi-Elettorali-2013-Scatta-il-divieto-di-pubblicazione-586x390

Italy: An election primer

This week’s elections in Italy will not only determine the future of Italy – it will also be key event for Europe and the eurozone. The future of the eurozone depends on whether its third-largest economy can keep its fiscal house in order and resume growth after a decade of stagnation. As expected, Italy’s electoral race has been dominated by internal affairs: jobs, unemployment and pension reforms.

However, the austerity measures pushed through by the Monti government have been heavily criticised – and most candidates tried to reassure citizen that taxes would not have to be increased anymore. At the same time, the outcome of the elections will be a signal for Europe as to whether Monti’s technocratic government will have any lasting legacy. But the outcome is far from certain which is largely due to three factors: the return of Berlusconi, a split in the centre-left and a dysfunctional electoral system.

Berlusconi’s resurrection

One of the most surprising events has been the return of Silvio Berlusconi. He is an unlikely candidate considering his involvement in separate trials for tax fraud and other offences. Furthermore, his party seemed fragmented both internally and had largely lost appeal amongst voters. Although he is still unlikely to win the election, his campaign has been incredibly successful. Not only did he promise to abolish a very unpopular property tax, he also announced that last year’s tax would be refunded in cash. As expected Berlusconi attacked current Prime Minister Mario Monti for his austerity policies and argued that it deepened the recession and created record unemployment. According to Berlusconi, Italy has turned into a “German colony” under Monti’s technocratic government.

Monti and Bersani: Natural allies?

Pier Luigi Bersani won the centre-left primaries in November, with more than 60 per cent of the vote. Currently he is the leader of the Democratic Party, Italy’s largest party – and he has been leading the polls ever since the election was announced. According to the latest polls it is projected that Bersani could win with 34-35% of the vote, while Berlusconi could reach 30%. This means that, in order to reach the majority necessary to govern (42,5%) Bersani would need to find an ally – and his natural ally would be Mario Monti. However, the more left wing elements of Bersani’s coalition, such as Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) and the trade unions openly oppose this alliance. Monti on the other hand has also expressed his refusal to ally with the leftist groups of Bersani’s coalition.

The electoral system: An Italian anomaly

The Italian political system can also have a massive impact on the outcome of elections as it can change majorities. The two chambers of the Italian parliament (Chamber of Deputies and Senate) have the same rights and powers but are independent from each other. Any government has to secure a majority in both chambers which can be difficult thanks to flawed election system. In Italy the same share of votes can produce different majorities in the Chamber of Deputies and in the Senate   – clearly a recipe for instability.

The election outcome can only be understood by looking at the underlying election system. Seats for the Chamber of Deputies are won on the basis of national majorities – but seats for the Senate are allocated following a regional formula. The party/coalition that wins the biggest share of seats in the Chamber of Deputies is automatically awarded 55% of the 630 seats of the chamber, with the remaining seats allocated proportionally to parties passing the required threshold (4% for parties and 10% for coalitions).

The party that wins the biggest share of votes in a region is automatically given 55% of the region’s seats in the Senate. Therefore more populous regions as Latium, Lombardy, Sicily and Veneto are likely to determine the outcome of the election and the composition of the future government. Lombardy for example is generally described as the “Italian Ohio”, since it has a total of 49 Senate seats, 27 of which are allocated to the winner. Traditionally, the centre-left has been weak in Lombardy while it is one of Berlusconi’s strongholds. But it looks as if Bersani could benefit from the collapse of the regional government and a corruption scandal. However, Lombardy will be the region to watch – recent polls suggest a very close race.

And last but not least, not all votes count the same in Italy: Only citizens who are older than 25 years are allowed to vote for the Senate, while the younger generation is only allowed to vote for the Chamber of Deputies.

Predicting the outcome of this general election is almost impossible: the political scene is highly fragmented and in a state of flux and Italy’s flawed electoral system will produce further political instability.

Traduzione:

Le imminenti elezioni di questa settimana determineranno il futuro dell’Italia ma saranno anche un evento chiave per il futuro dell’Europa e dell’eurozona. Il destino di quest’ultima dipende dalla capacità della sua terza economia (quella italiana) di mantenere i conti in ordine e rilanciare la crescita. Come previsto, la campagna elettorale è stata dominata da questioni interne: lavoro, disoccupazione e riforma delle pensioni.

Le misure di austerità adottate dal governo Monti sono state fortemente criticate, e la maggior parte dei candidati ha cercato di rassicurare gli elettori in merito all’aumento della tassazione. Al contempo, l’esito delle elezioni sarà un segnale per l’Europa e testerà quale sarà l’eredità politica del governo tecnocratico di Monti. L’incertezza in merito al risultato elettorale è dovuta  a  tre fattori: il ritorno di Berlusconi, una spaccatura nel centro-sinistra e il sistema elettorale imperfetto.

La resurrezione di Berlusconi

Il ritorno di Silvio Berlusconi è stato uno degli eventi più sorprendenti. E ‘ un candidato improbabile, se si considera il suo coinvolgimento in processi per frode fiscale e altri reati. Inoltre, il suo partito è frammentato internamente e sembra aver perso gran parte dell’appeal che aveva tra i propri elettori. Malgrado sia difficile che Berlusconi vinca le elezioni, la sua campagna elettorale ha avuto un grande successo. Non solo ha promesso di abolire una tassa impopolare sulla proprietà (IMU), ma ha anche annunciato l’intenzione di restituire in contanti i proventi della stessa imposta. Come previsto, Berlusconi ha attaccato l’attuale premier Mario Monti per le sue politiche di austerità e ha sostenuto che queste hanno aumentato la recessione e creato una disoccupazione record. Secondo Berlusconi, sotto il governo Monti l’Italia è diventata una “colonia tedesca”.

Monti e Bersani: alleati naturali?

A novembre, Pier Luigi Bersani ha vinto le primarie della coalizione di centro-sinistra con oltre il 60% dei voti. Attualmente è leader del Partito Democratico – il più grande partito italiano – ed è in testa ai sondaggi.  Secondo le ultime rilevazioni, Bersani potrebbe vincere con il 34-35% dei voti, mentre Berlusconi potrebbe raggiungere il 30%. Ciò significa che, per raggiungere la maggioranza necessaria a governare (42.5%), Bersani sarebbe costretto a stringere accordi, e il suo alleato naturale potrebbe essere Mario Monti. Tuttavia le componenti più a sinistra della coalizione di Bersani – come Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) – e le organizzazioni sindacali osteggiano apertamente questa alleanza. D’altro canto, anche lo stesso Monti ha espresso il suo rifiuto di allearsi con i partiti di sinistra della coalizione di Bersani.

Sistema elettorale: un’anomalia italiana

Anche il sistema elettorale può avere un impatto enorme sul risultato delle elezioni. Camera dei Deputati e Senato hanno gli stessi diritti e poteri, nonostante siano indipendenti l’una dall’altra. Qualunque governo deve avere la maggioranza in entrambe le camere, e questa non è facilmente ottenibile a causa dell’imperfetto sistema elettorale. In Italia la stessa percentuale di voti può produrre maggioranze diverse alla Camera e Senato: ciò costituisce chiaramente un fattore di instabilità.

L’esito delle consultazioni può essere compreso soltanto alla luce del sistema elettorale vigente. I seggi alla Camera dei Deputati sono assegnati in base alla percentuale ottenuta a livello nazionale, mentre quelli del Senato alla luce al risultato regionale. Al partito/coalizione che ottiene più seggi alla Camera viene automaticamente assegnato il 55% dei 630 scranni della stessa, mentre i rimanenti posti sono ripartiti in maniera proporzionale ai partiti che superano la soglia richiesta (4% per i partiti e 10% per le coalizioni).

Il partito più votato su base regionale ottiene automaticamente il 55% dei seggi regionali al Senato. Pertanto, le regioni più popolose come Lazio, Lombardia, Sicilia e Veneto possono determinare il risultato delle elezioni e la composizione del futuro governo. La Lombardia, per esempio, nota come “l’Ohio d’Italia”, dispone di 49 seggi al Senato, 27 dei quali sono assegnati al vincitore regionale. Il centro-sinistra è tradizionalmente debole in Lombardia, una delle roccaforti di Berlusconi. Pare tuttavia che Bersani possa beneficiare dallo scandalo del governo regionale lombardo. Ad ogni modo, la Lombardia rimane la regione da monitorare da vicino, visti gli ultimi sondaggi che suggeriscono un testa a testa tra le due principali coalizioni.

Infine, in Italia non tutti i voti contano alla stessa maniera: solo i cittadini con almeno 25 anni possono votare per il Senato, mentre le generazioni più giovani esprimono il voto solo per la Camera dei Deputati.

Fare una previsione sul risultato di queste elezioni è quasi impossibile: lo scenario politico è fortemente frammentato e liquido, e questo sistema elettorale imperfetto non potrà che produrre ulteriore instabilità.