Archive for ‘Europa e crisi’

04/12/2013

Elezioni tedesche e futuro dell’Europa, Ginger Group con Ulrike Guérot

Questo slideshow richiede JavaScript.

05/07/2013

Unemployment across the eurozone, by Silvia Francescon, June 13, 2013

Jobcentre
Ministers from France, Germany, and Italy are expected to meet in Rome this week to tackle youth unemployment and introduce reforms to relaunch growth and competitiveness. What is at stake is the European project. The German finance minister, Wolfgang Schäuble, described it as a “battle for Europe’s unity”, and warned that a revolution might occur if Europe’s welfare model is abandoned. Joblessness is an emergency and it is good sign that it is on top of the agenda of the next European Council (to be held end of June). President Van Rompuy acknowledged [1] that the number of unemployed people in the Union, especially of the unemployed young, is at record levels. At last, European leaders are addressing social issues alongside economic ones.The European Commission has proposed a series of measures in the framework of the Youth Employment Package: the European Alliance for Apprenticeships will be launched in early July; the recommendation to establish a Youth Guarantee has been swiftly adopted by the Council; the importance of tackling youth unemployment has been underlined in the Compact for Growth and Jobs. In June 2012 the EC redirected EU funds to help 800,000 young people in the eight worst hit countries. Last February €6 billion were set aside for the Youth Employment Initiative within the next seven year EU budget. Of course, as the dreadful unemployment figures suggest, these measures will not fix the problem.

What is really needed is reform, as European Central Bank President Mario Draghi has pointed out. The ECB won’t act to ensure the solvency of a country, he said. He guaranteed that a higher inflation rate will not be used to solve debt crises, and said interest rates will rise once confidence returns to the euro area. Instead he suggested that indebted countries should follow Germany’s 2003 reforms. Those brave reforms (for instance to the labour market) may have led to the electoral demise of Chancellor Schröder, but in the long term they also ensured Germany would suffer far less unemployment during the crisis.

Italy, the eurozone’s third-biggest economy, is worse off than most of the others precisely because it has not enacted and implemented structural reforms over the past 20 years. Despite a timid recovery in 2010, since the middle of 2011 it has been stuck in its longest post-war recession, while unemployment has hit record levels. In the last quarter of 2012, Italy’s GDP fell by 0.9 percent, and the country’s real GDP dropped by 2.4 percent in 2012 as a whole. Private consumption contracted unprecedentedly by more than 4 percent, and government consumption also experienced a serious setback following severe fiscal consolidation. The new government is looking at the possibility of using €1.1 billion to reduce taxes for enterprises that hire young employees on long-term contracts. Italy’s competitiveness has been declining over the past decade: real unit labour costs have grown at a faster pace than productivity, and faster than in most of the euro area. Since the creation of the euro, Italy’s unit labour costs have risen by about 30 percent more than the currency area average. Real unit labour costs rose by 0.7 percent in 2012. [2]

According to the latest Eurostat [3] estimates, in April 2013 26,588,000 people in the EU-27 were unemployed, of whom 19,375,000 were in the euro area (EA-17). This represents increases of 104,000 in the EU-27 and 95,000 in the euro area compared to just one month earlier. When the comparison is with one year earlier, unemployment rose by 1,673,000 in the EU-27 and by 1,644,000 in the euro area. The EA-17 unemployment rate went from 11.2 percent in April 2012 to 12.2 percent in April 2013; in the EU-27 it rose from 10.3 percent to 11 percent over the same period. Among the Member States, the lowest unemployment rates were recorded in Austria (4.9 percent), Germany (5.4 percent), and Luxembourg (5.6 percent); and the highest rates in Greece (27 percent in February), Spain (26.8 percent), and Portugal (17.8 percent).

The economic crisis has hit the youth more than other age groups. From the beginning of 2009, the EU-27 youth unemployment rate was higher than in the euro area between 2000 and mid-2007. Since then, and until the third quarter 2010, these two rates have been very close. In the middle of 2012 the euro area youth unemployment rate overtook the EU-27 rate, and the gap has since increased.

In April 2013, 5,627,000 young persons (under 25) were unemployed in the EU-27, of whom 3.624 million were in the EA-17. In April 2013, the youth unemployment rate was 23.5 percent in the EU-27 and 24.4 percent in the euro area, compared with 22.6 percent in both zones in April 2012. In April 2013 the lowest rates were observed in Germany (7.5 percent), Austria (8.0 percent) and the Netherlands (10.6 percent); and the highest in Greece (62.5 percent in February 2013), Spain (56.4 percent), Portugal (42.5 percent) and Italy (40.5 percent).

However, out of this economic and social crisis Europe could find more legitimacy, which seems to be lost for European citizens. Between now and the June European Council, leaders will have the opportunity to adopt measures that demonstrate that Europe is not a super-national entity aimed at making lives difficult, but it is still a land of opportunities. We will be following these meetings closely, as unemployment is not simply a matter of numbers: it is a matter of people, of Europeans, and the future of the European project.

[1]http://www.consilium.europa.eu/uedocs/cms_data/docs/pressdata/en/ec/137290.pdf

[2]http://www.ecb.europa.eu/stats/exchange/hci/html/hci_ulct_2012-10.en.html

[3]http://epp.eurostat.ec.europa.eu/statistics_explained/index.php/Unemployment_statistics#Youth_unemployment_trends

Traduzione

I Ministri di Francia, Germania, Spagna e Italia si incontrerano a Roma questa settimana per discutere della disoccupazione giovanile e per introdurre nuove riforme per rilanciare la crescita e la competività. La posta in gioco è il Progetto Europeo. Il Ministro delle Finanze tedesco, Wolfang Schauble, lo ha descritto come una “battaglia per l’unità europea”, ed ha parlato di rivoluzione se il modello del welfare  europeo venisse abbandonato. La mancanza di lavoro è un’emergenza ed è un buon segno che sia al primo posto nell’agenda del prossimo Consiglio Europeo (di giugno). Il presidente Van Rompuy ha ufficialmente dichiarato che il numero di disoccupati in Europa, specialmente per quanto riguarda i giovani, è a livelli di record. E’ importante che i leader europei  stiano affrontando insieme questioni sociali ed economiche. La Commissione Europea ha proposto una serie di misure nel quadro del Youth Employment Package: la European Alliance for Apprenticeship verrà lanciata verso la fine di luglio; la raccomandazione di istituire un Youth Guarantee è stata rapidamente adottata dal Consiglio; l’importanza di discutere della disoccupazione giovanile è stata sottolineata nel Compact for Growth and Jobs. Nel giugno 2012 il Consiglio Europeo ha rindirizzato all’UE fondi per aiutare 800.000 giovani provenienti dalgi otto paesi più colpiti dalla crisi. Lo scorso febbraio, la Commissione ha anche destinato 6 milioni di Euro per la Youth Employment Initiative inseriti nel budget dell’UE dei prosismi sette anni.  Certamente, come suggeriscono gli scoraggianti dati sulla disoccupazione giovanile, queste misure non risolveranno il problema.

Quello che è veramente necessario sono le riforme, come ha sottolineato il Presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi. La BCE non interverrà  per risolvere le insolvenze dei paesi. Ha garantito che non verrà aumentata la rata di inflazione per risolvere il problema del debito, e che le rate di interesse faranno tornare la fiducia nel ritorno nella zona euro. Draghi ha proposto che i paesi indebitati seguano l’esempio delle riforme attuate dalla Germania nel 2003. Queste coraggiose riforme (prima di tutto la riforma del lavoro) hanno probabilmente portato al crollo elettorale del Cancelliere Schroeder, ma a lungo termine hanno permesso alla Germania di soffrire meno durante la crisi.

In Italia, la terza economia dell’euro zona,  la situazione è peggiore che in altri paesi, proprio perchè negli ultimi 20 anni non sono state attuate ed implementate riforme strutturali. Nonostante un timido recupero nel 2010, dalla metà del 2011 l’Italia è rimasta bloccata nella più lunga recessione mai vissuta e la disoccupazione ha raggiunto livelli da record. Nell’ultimo trimestre del 2012, il PIL dell’Italia è sceso del 0.9%, e il PIL reale del 2.4%. I consumi privati si sono contratti di oltre il 4% e anche i consumi pubblici hanno subito una battuta d’arresto in seguito alle severe misure fiscali. Il nuovo governo vorrebbe utilizzare 1 milione di euro per ridurre le tasse per le imprese in modo che possano assumere giovani con contratti a tempo indeterminato. Nell’ultimo decennio la competitività dell’Italia è in calo: il costo del lavoro reale per unità è cresciuto più in fretta dei ritmi produttivi, e più in fretta di qualsiasi altro paese dell’euro zona. Fin dalla creazione dell’Euro, i costi lavorativi dell’Italia sono cresciuti del 30% in più della media delle altre aree. I costi reali del lavoro sono aumentati del 0.7% nel 2012.

Secondo le ultime stime Eurostat, nell’aprile 2013 26.588.000 persone nei 27 paesi dell’UE erano disoccupate, di cui 19.375.000 nell’euro zona (EA-17).  Un aumento di 104.000 disoccupati nei 27 paesi dell’UE e di 95.000 nell’euro zona, rispetto a Marzo. Con riferimento al 2012, i disoccupati sono cresciuti di 1.673.000 unità nei 27 paesi dell’UE e di 1.644.000 nell’euro zona. I disoccupati dell’ EA-17 sono cresciuti dall’11.2% dall’aprile 2012 al 12.2% dell’aprile 2013; nei 27 paesi dell’UE è cresciuto dal 10.3% all’11% nello stesso periodo. Tra gli stati membri, i tassi più bassi di disoccupazione sono stati registrati in Austria (4.9%), Germania (5.4%) e Lussemburgo (5.6%);  i tassi più alti in Grecia (27% a febbraio), Spagna (26.8%) e Portogallo (17.8%).

La crisi economica ha colpito in particolar modo i giovani. Sin dall’inizio del 2009, il tasso di giovani disoccupati dei 27 paesi dell’UE era più alto di quello dell’euro zona tra il 2000 e la prima metà del 2007. Da allora e fino al 2010, questi due tassi sono stati molto vicini. Tuttavia verso la metà del 2012 il tasso di giovani disoccupati nell’euro zona ha superato quello dei 27 paesi dell’UE.

Nell’aprile 2013, 5.627.000 giovani under 25 erano disoccupati nei 27 paesi dell’UE, dei quali 3.624.000 nel EA-17. Nell’aprile 2013, il tasso di disoccupazione giovanile era del 23.5% nei 27 paesi dell’UE e del 24.4% nell’euro zona, mentre nel 2012 il 22.6% in entrambe le zone. Nell’aprile 2013 i tassi più bassi si sono riscontrati in Germania (7.5%), Austria (8.0%) e Olanda (10.6%) ; i tassi più alti in Grecia (62.5% a febbraio 2013), Spagna (56.4%), Portogallo (42.5%) e Italia (40.5%).

Ad ogni modo, al di fuori di questa crisi economica e sociale l’Europa dovrebbe trovare una maggiore legittimità, che agli occhi dei cittadini europei  sembra essere andara persa. Prima del Consiglio di giugno, i leader  Europei avranno l’opportunità di adottare misure per dimostrare che l’Europa non è un’entità sovra-nazionale volta a creare difficoltà, ma rappresenta ancora una terra di opportunità. Seguiremo attentamente questi incontri, perchè la disoccupazione non è una semplice questione di numeri: si tratta di persone, di europei e del futuro del progetto europeo.

02/05/2013

Letta’s European Grand Tour, by Silvia Francescon, May 1, 2013

20130430_letta_merkel

Fresh from winning confidence votes in both the lower and upper houses of Italy’s parliament, Italy’s young prime minister has set off on a mini tour of Europe that began with a visit to Mrs Merkel. Enrico Letta told her that it was necessary “to understand that this crisis did not find a solution because there wasn’t enough Europe.” He said his was a strongly European government, and noted that Europe achieved great results when Italy and Germany worked together with a federalist vocation.

This emphasis on Europe is to be expected from Letta. Before setting off on his Berlin-Paris-Brussels tour he told the Lower House that “The EU is the right political space from which to re-launch hope. The European Union is our journey, written by us; our horizon.” During his visit to Germany he built upon the theme:

“The main mission of this government is to achieve these four objectives: banking union, economic union, fiscal union, and political union. Only if we reach these targets will we be able to bring a solution to the national situation. All together, as European citizens, we have to do more Europe.”

read more »

11/04/2013

Rome view: Fate presto Italia!, 10 aprile 2013, Silvia Francescon

fate-presto-sole24ore-e-hashtag

“FATE PRESTO” (“Act fast” or “Act now”) was the headline in Il Sole 24 Ore back in November 2011, when Silvio Berlusconi had to step down due to the increasingly desperate economic situation of Italy. Such a headline had also been used  in 1980, after a terrible earthquake struck the country. But now in 2013, nearly a year and a half after a technical government was appointed to rescue Italy from a possible “Greek scenario”, the SOS appeal has never been as urgent.

Italy today is paralysed. 45 days after the elections it still does not have a government. The de facto agreement is to first vote for a new head of state, then the government (or the new president could call for new elections). In the meantime there is a prorogatio of Monti, a scenario that none of the three main blocs (Democratic Party, People of Freedom and Five Stars Movement) wanted, with 10 “sages” trying to find agreement on economic and institutional reforms. A stalemate, a total paralysis.

The vice-president of the European Commission, Olli Rehn, who recently met Monti to discuss late payments, reminded us that “The accelerated repayment of commercial debt to Italian enterprises it as a matter of utmost urgency.” This is especially pertinent considering that Italy’s economic problems are related to a long-term loss of competitiveness and excessively tight financing conditions for households and enterprises. In order to overcome both its political and economical gridlock, the country needs to submit a stability programme this month. Monti’s government has already unlocked €40 billion of commercial debt for Italian enterprises (I wonder why this was not done sooner – of course we had to convince our European partners that we are credible in order to be given some flexibility over the stability pact, but this has become a crucial issue only in the last weeks. Why?). It is also not clear precisely how much money the state owes to enterprises. Official figures say €70 billion, but everyday we have a lottery of numbers: 90, 100, 120 billion. This is not acceptable. At such a crucial time there is no sense of urgency.

What worries is that the foreseeable scenario is that the country’s political crisis could drag on for at least several more weeks, being inextricably tied up with the vote for a successor to President Napolitano. Instead of overcoming divisions, political forces continue to disagree about everything, ranging from the next possible candidate for the presidency, to reforms, to the cost of coffee for parliamentarians at the Chambers cafes.

The head of state’s decision to delegate an agreement on economic and institutional reforms to ten (all male) sages, perhaps in a desperate attempt to find a solution to disagreements between all the parties, turned out to be a way to postpone the creation of a government, concrete reforms, and urgent measures. Italian history shows us that these kind of commissions do not work. They also do not represent current Italian society (most of the members of the last two commissions of these sages have been male, and with few exceptions have been involved in traditional politics for the past 20 years).

The other option President Napolitano had considered was to end his mandate one month earlier in order to allow a new elected head of state to call for new elections. (According to the Italian constitution the president may not dissolve one or both houses of parliament during the final six months of the presidential term.) He decided not to resign thanks to pressure both from Europe, especially from ECB’s president Mario Draghi, and from the US. Everyone is terrified of the economic consequences such a resignation could provoke. Napolitano, once again, carried the unbearable gridlock on his shoulders for the sake of the country. The same cannot be said of the political parties.

Clearly the personal interests of the parties are being given precedence over the common good of Italy. The election resulted in three main blocs, none of which had enough support in parliament to govern alone. While the country is sinking, the Five Star Movement has decided that their tsunami has to dismantle the entire system (their target is currently politics, but I am willing to bet that soon the business community will be affected, followed perhaps by the media). Grillo said clearly that he is aiming at 100 percent of the electorate, but if new elections come into play Berlusconi could make it through for the fifth time.

The centre-left Democratic Party, which internally is going through particularly difficult times, will change leadership. The “natural” candidate would be Matteo Renzi, who has already started his campaign. Renzi, 38, lost to Bersani in the Democratic Party primary elections last December. The mayor of Florence is young and ambitious, but has political experience and strong communication skills (for twenty years such skills have been monopolised by Berlusconi). He is perceived as a potential game-changer who could win back votes from the Five Star Movement , as well as the centre right. It remains to be seen whether Renzi would indeed be a real innovator – after all Berlusconi arrived in 1994 after another tsunami (Mani Pulite), so I would be very careful in giving anyone a Messianic role. But certainly I agree with him that Italy is wasting precious time. Enterprises are shutting down, financial troubles are driving people to suicide, and in response the politicians are postponing the difficult decisions.

The boat is sinking. We don’t need commissions of sages; we just need wise, concrete decisions now. Time has run out.

TRADUZIONE

“FATE PRESTO” fu il titolo di apertura de Il Sole 24 Ore del 10 novembre 2011, nei giorni in cui Silvio Berlusconi rassegnò le dimissioni a causa della drammatica crisi economica dell’Italia. Lo stesso titolo fu già utilizzato nel 1980, in seguito ad un terribile terremoto che sconvolse il paese. Oggi, nel 2013 e cioè a quasi un anno e mezzo dalla nomina di un governo tecnico con il compito di scongiurare per l’Italia uno “scenario greco”, l’ SOS che giunge dal paese non è mai stato così urgente.

L’Italia di oggi è paralizzata. Quarantacinque giorni dopo le elezioni di febbraio il paese è ancora senza un governo. L’accordo de facto raggiunto prevede dapprima il voto per il nuovo Presidente della Repubblica, poi per il governo (oppure, in alternativa, sarà il neo-eletto Capo dello Stato a farsi carico d’indire nuove elezioni). Nel frattempo il governo Monti resta in carica, uno scenario indesiderato dai principali gruppi politici (Partito Democratico, Popolo della Libertà e Movimento 5 Stelle), e un comitato di dieci “saggi” incaricato dal Presidente Napolitano sta provando a formulare proposte condivise sul piano delle riforme economiche e istituzionali. Uno stallo, una paralisi totale.

Il Vice-Presidente della Commissione Europea, Olli Rehn, che ha di recente incontrato Mario Monti per discutere dei pagamenti dilazionati, ci ha voluto ricordare che “the accelerated repayment of commercial debt to Italian enterprises it is a matter of utmost urgency.” Questo appello appare particolarmente calzante dal momento che i problemi economici dell’Italia sono legati ad una perdita di competitività nel lungo termine e alle imposizioni finanziarie eccessivamente stringenti per famiglie e imprese. Al fine di superare questo stallo sia politico che economico, il paese deve presentare un programma di stabilità durante il corso di questo mese. Il governo Monti ha già sbloccato 40 miliardi di euro di debito commerciale a beneficio delle imprese italiane (mi chiedo perché questo non sia stato fatto prima – naturalmente c’era la necessità di convincere i nostri partner europei della nostra credibilità, affinché ci concedessero qualche flessibilità nell’interpretazione del Patto di Stabilità, ma questo è diventato un punto di discussione solo nell’ultima settimana: perché?). Inoltre, non è apparso chiaro quanti soldi lo Stato debba esattamente trasferire alle imprese. Stime ufficiali dicono 70 miliardi di euro, ma ogni giorno riparte la lotteria su questi dati: 90, 100, 120 milairdi. Questo non è più accettabile. Arrivati ad un tale momento cruciale non c’è la percezione dell’urgenza di un intervento.

Ciò che preoccupa maggiormente è lo scenario che si sta delineando: la crisi politica del paese si trascinerà ancora per almeno diverse settimane, essendo inestricabilmente legata all’elezione del successore del Presidente Napolitano. Anzichè superare le divisioni, le forze politiche continuano ad essere discordi su tutto, dal nome del possibile candidato alla presidenza fino alle riforme o ai costi del caffé per i parlamentari alla buvette della Camera.

La decisione del Capo dello Stato di affidare il compito di trovare un accordo sulle principali riforme economico-istituzionali ad un gruppi di dieci saggi (tutti uomini), forse nel tentativo disperato di risolvere i contrasti tra tutti i partiti, si è rivelata essere un modo di posticipare la creazione di un governo, attuare riforme concrete e implementare le misure più urgenti. La storia italiana ci insegna che questo genere di commissioni non funzionano. Di più, esse non rappresentano l’attuale società italiana (la maggior parte dei membri delle due commissioni di saggi nominate sono uomini, e, con poche eccezioni, sono stati attivamente parte della politica tradizionale degli ultimi venti anni).

L’altra opzione che il Presidente Napolitano aveva considerato era di terminare il proprio mandato con un mese di anticipo, al fine di consentire al neo-eletto Capo dello Stato di indire nuove elezioni. (Secondo la Costituzione italiana il Presidente non può sciogliere una o entrambe le Camere del Parlamento durante gli ultimi sei mesi del suo mandato, il cosiddetto “semestre bianco”). Napolitano ha deciso di non dimettersi in seguito alle pressioni ricevute sia dall’Europa, in particolar modo dal Presidente della BCE Mario Draghi, sia dagli Stati Uniti. Tutti sono spaventati dalle possibili conseguenze economiche che le sue dimissioni potrebbero provocare. Ancora una volta Napolitano s’è fatto carico dell’insostenibile stallo per il bene del paese. Lo stesso non si può invece dire dei partiti politici.

Senza dubbio gli interessi particolari dei partiti hanno avuto la precedenza sul perseguimento del bene comune dell’Italia. Le ultime elezioni hanno portato alla formazione di tre blocchi, nessuno dei quali ha ottenuto sufficiente supporto per governare in autonomia. Mentre il paese affonda, il Movimento 5 Stelle ha deciso che il suo tsunami deve arrivare sino allo smantellamento definitivo del sistema (il loro obiettivo è l’attuale regime politico, ma sono pronta a scommettere che presto la comunità economica sarà presa di mira, forse seguita dai mezzi di comunicazione). Grillo ha detto a chiare lettere che il Movimento mira ad ottenere il 100% dell’elettorato, ma la realtà è che se ci saranno nuove elezioni Silvio Berlusconi potrebbe farcela per la quinta volta.

Il Partito Democratico, che sta passando un periodo particolarmente problematico anche dal punto di vista dei suoi equilibri interni, cambierà i suoi vertici. Il candidato “naturale” per la Segreteria sarebbe Matteo Renzi, che ha già inziato la sua campagna elettorale. Renzi, 38 anni, lo scorso dicembre ha perso le primarie del partito a favore di Pierluigi Bersani. Il sindaco di Firenze è giovane e ambizioso, ma allo stesso tempo ha esperienza politica e forti doti comunicative (capacità che sono state esclusivo monopolio di Berlusconi negli ultimi ventanni). Viene percepito come potenzialmente in grado di cambiare le carte in tavola, recuperando voti confluiti nel Movimento 5 Stelle così come nel centro-destra.  Resta da vedere se Renzi sarebbe davvero un innovatore – dopotutto lo stesso Berlusconi scese in politica nel 1994 dopo un altro tsunami (Mani Pulite), quindi sarei molto cauta prima di attribuire a chiunque il titolo di nuovo Messia. Certamente concordo con Renzi quando afferma che l’Italia sta sprecando tempo prezioso. Le imprese stanno chiudendo, i problemi finanziari stanno portando le persone fino al gesto estremo del suicidio e l’unica risposta giunta sinora dai politici è l’aver rimandato le decisioni più controverse. La barca sta affondando. Non abbiamo bisogno di commissioni di saggi; noi abbiamo solo bisogno di sagge e concrete decisioni adesso. Il tempo è scaduto.

11/04/2013

Un’altra Europa per Londra: Andrew Duff, Consigliere di ECFR, guarda al futuro del Regno Unito in Europa

A.D. image

Intervista su Capital – By Marco De Masi

Per salvare l’Unione è necessario immaginare una nuova membership Andrew Duff, 62 anni, liberaldemocratico, è membro del Parlamento europeo per l’Est dell’Inghilterra e portavoce del Gruppo Alde per gli affari costituzionali. Ha studiato a Cambridge e all’Université Libre de Bruxelles. Co-fondatore dell’ European Council on Foreign Relations , è co-presidente dello Spinelli Group, l’intergruppo federalista del Parlamento europeo, e presidente dell’Unione dei federalisti europei.

Coalizione di governo spaccata tra europeisti (Libdem) ed euroscettici (Tories), un referendum che potrebbe catapultare il Regno Unito fuori dall’Unione europea. Londra e Bruxelles non sono mai state così lontane. Per riavvicinarle senza bloccare la spinta federalista, spiega Andrew Duff, occorre tempo. E una nuova forma di associazione.

Domanda. Qual è la posizione del Regno Unito, in questo momento, sul proprio ruolo nell’Ue?

Risposta. A oggi è impossibile dirlo. L’Ue tende verso una struttura sempre più federalista, i britannici non intendono farne parte. La revisione del trattato europeo del 2016-2017 dovrà essere approvata da tutti gli stati membri, compreso il Regno Unito, che sulla questione si esprimerà con un referendum. A oggi, l’ipotesi di un accordo sul nuovo «pacchetto federale» è piuttosto remota. Si potrebbe immaginare allora una posizione più defilata per Londra, una forma di membership che permetterebbe di trovare un accordo sul trattato. Sulla questione però il governo è molto diviso. C’è insomma totale mancanza di chiarezza nella nostra strategia europea.

D. Crede che il dibattito potrebbe accendersi fino a scatenare una crisi di governo?

R. Sono in corso discussioni molto vibranti: i Libdem vorrebbero bloccare l’opt-out, ma questo non succederà. Non è insommatotale mancanza di chiarezza nella nostra strategia europea.

D. Crede che il dibattito potrebbe accendersi fino a scatenare una crisi di governo?

R. Sono in corso discussioni molto vibranti: i Libdem vorrebbero bloccare l’opt-out, ma questo non succederà. Non è insomma ancora chiaro su quali misure sarà possibile trovare un accordo.

D. È possibile che il Regno Unito lasci l’Ue?

R. Si tratterebbe di un evento straordinario, ma credo di sì. Sto cercando di proporre un nuovo tipo di membership temporanea, così che il Regno Unito non abbandoni completamente l’Ue e non si opponga all’integrazione di cui tutti gli altri hanno bisogno. Se non sarà possibile creare questa categoria intermedia, c’è pericolo concreto di abbandono.

D. Il ministro degli Esteri tedesco, Guido Westerwelle, ha chiarito che non è possibile fare «cherry picking», accettare l’Unione scegliendo solo gli aspetti più convenienti e rifiutando il resto. Una terza categoria di membership andrebbe proprio in questa direzione…

R. Sono d’accordo con Westerwelle, il cherry picking è l’opzione peggiore. Intendo formulare una proposta diversa, più strutturata e stabile, sulla quale possa esserci un accordo fra Regno Unito e Ue. Gli elementi non sono ancora completamente definiti, ma sicuramente saranno previsti mercato comune, unione doganale e condivisione delle politiche commerciali, oltre a una notevole cooperazione in politica estera, il minimo necessario. Sarà possibile negoziarne i termini.

D. Che cosa dovrebbe fare l’Ue per convincere il Regno Unito a rimanere nel gruppo principale?

R. Creare un’unione federale, per cercare di risolvere la crisi presente, è nell’interesse pubblico. Creare un pacchetto che attragga Londra in questa unione è possibile, ma non credo che sia una soluzione veloce. Si può provare l’esperimento federalista, e se funziona, forse nel giro di una generazione, il Regno Unito potrebbe ritornare sui suoi passi. Ma ci vorrà tempo per cambiare marcia nell’opinione pubblicae politica britannica. Londra si trova in una straordinaria fase nazionalistica della sua storia, è una situazione davvero unica.

D. Che cosa succederebbe al Regno Unito se decidesse di abbandonare l’Europa?

R. Affronterebbe un declino molto veloce, ma anche un impoverimento culturale, si trasformerebbe in un’area isolata, marginalizzata. Credo che la decisione di allontanarsi non sarà permanente, alla fine i britannici sceglieranno di rientrare.

D. Intanto l’Europa stringe i vincoli e va verso l’unione bancaria con il nuovo meccanismo unico di vigilanza…

R. Personalmente sento che il Regno Unito dovrebbe esserne parte: gli istituti con ampia operatività nell’eurozona si troverebbero in una posizione molto particolare se non fossero capaci di inuenzare il regime cui sono sottoposti. L’autoesclusione dall’unione bancaria è un grande errore del premier David Cameron. So che molti, a Londra, cominciano a condividere questo punto di vista.

D. C’è spazio, in un’Europa così frammentata, anche per la Turchia?

R. Credo proprio di sì. La prospettiva di una full membership è remota: da parte loro, però, anche i turchi sono orientati piuttosto verso una più semplice forma di associazione.