ECFR

Lo European Council on Foreign Relations (ECFR) è il primo think tank pan-europeo fondato con l’ obiettivo è di condurre ricerca e promuovere un dibattito informato per favorire lo sviluppo di una politica estera efficace e coerente fondata su valori europei.

Fra i membri fondatori di ECFR vi sono ex capi di governo, ministri degli esteri europei, imprenditori, noti intellettuali ed attivisti.

L’ECFR ha elaborato una strategia imperniata su tre elementi che contraddistinguono le sue attività:

  • Un Consiglio paneuropeo, composto da oltre un centinaio di rappresentanti:  esponenti politici, funzionari governativi, intellettuali e uomini d’affari dei paesi membri dell’UE e di quelli candidati a farne parte, che si riunisce una volta all’anno in sessione plenaria. Attraverso gruppi di studio suddivisi per aree geografiche e tematiche, i suoi membri forniscono consulenze e valutazioni politiche contribuendo allo sviluppo delle attività nei rispettivi paesi d’appartenenza. Il Consiglio è presieduto da Martti Ahtissari, Joshka Fischer e Mabel van Oranje.
  • La presenza nei principali Stati membri dell’UE. Unico tra i centri studi europei, l’ECFR ha uffici a Berlino, Londra, Madrid, Parigi, Roma, Sofia e Varsavia. In futuro prevede di aprirne uno a Bruxelles. Le sue sedi svolgono funzioni di centri di ricerca, di discussione, di elaborazione di progetti e di comunicazione.
  • Un processo di ricerca e di elaborazione politica. Il Consiglio raggruppa studiosi ed esperti di tutta Europa che promuovono i suoi obiettivi attraverso progetti innovativi a valenza paneuropea. Le sue attività comprendono ricerche di base, pubblicazione di rapporti politici, incontri privati e dibattiti pubblici, riunioni di sostenitori nelle varie capitali europee e diffusione di notizie attraverso i principali mezzi di comunicazione.

ECFR ha 3 programmi principali:

Cina: ECFR analizza l’efficacia delle strategie dell’UE nei confronti della Cina su temi globali. Nel 2009 ECFR ha
pubblicato il rapporto “A Power Audit of EU-China Relations”, a cui hanno fatto seguito pubblicazioni, commenti, blog posts,
e la serie trimestrale delle China Analysis.
•Wider Europe and Rule of Law: esamina le relazioni tra l’UE e i suoi vicini a Est, inclusi la Russia e la Turchia e l’utilizzo della
prospettiva di adesione e la cooperazione economica, militare e politica per promuovere la democrazia, i diritti umani e lo stato di diritto, risolvere conflitti e diminuire la dipendenza energetica. L’ultimo rapporto pubblicato all’interno del programma  è «What does Turkey think?» che ha riscosso grande successo anche in Italia, come dimostrato dall’attenzione riservata al Rapporto dal quotidiano La Repubblica.
MiddleEast and North Africa (MENA): Dal 2011, a seguito dei recenti sviluppi in Nord Africa, ECFR ha avviato il programma MiddleEast and North Africa con lo scopo di esaminare come l’Europa può rispondere in maniera efficace alle recenti rivoluzioni in Nord Africa. ECFR ha pubblicato tre policy memo, sull’Egitto, sul Marocco e sulla Tunisia, ognuno dei quali è il risultato di visite di ricerca nei tre paesi.  E’ stato inoltre pubblicato un briefing sulla Libia, che ha suscitato a Roma ampio interesse da parte dell’Ufficio del Consigliere Diplomatico del Capo dello Stato ed un policy brief sull’Algeria.

Altri progetti:

– Il dibattito sulla crisi economica e l’urgenza per l’Europe di riconfermarsi quale attore di rilievo nel XXI secolo, hanno dato vita al programma Reinvention of Europe, che analizza l’impatto della crisi dell’Euro sull’Europa politica e sulla capacità della stessa di svolgere un’autorevole attività di politica estera.

– ECFR è stato pioniere nel dibattito europeo sulla Germania con il nuovo Germany in Europe, con l’obiettivo di promuovere un’ampia discussione sul ruolo della Germania in Europa e di generare idee su come reintegrare le Germania nel rilancio di un’Europa assertiva e responsabile.

– L’European Foreign Policy Scorecard è un progetto innovativo di ECFR che consiste in una sistematica valutazione della performance europea nelle relazioni con il resto del mondo. Iniziato nel 2010, l’European Foreign Policy Scorecard esamina la politica estera dei 27 stati membri e delle istituzioni europee in 80 policy areas, suddivise in sei temi chiave: le relazioni con la Cina, la Russia, e gli Stati Uniti, le politiche con i Paesi dell’Europa allargata, le capacità quanto a crisis management e le questioni multilaterali.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: