Unemployment across the eurozone, by Silvia Francescon, June 13, 2013

Jobcentre
Ministers from France, Germany, and Italy are expected to meet in Rome this week to tackle youth unemployment and introduce reforms to relaunch growth and competitiveness. What is at stake is the European project. The German finance minister, Wolfgang Schäuble, described it as a “battle for Europe’s unity”, and warned that a revolution might occur if Europe’s welfare model is abandoned. Joblessness is an emergency and it is good sign that it is on top of the agenda of the next European Council (to be held end of June). President Van Rompuy acknowledged [1] that the number of unemployed people in the Union, especially of the unemployed young, is at record levels. At last, European leaders are addressing social issues alongside economic ones.The European Commission has proposed a series of measures in the framework of the Youth Employment Package: the European Alliance for Apprenticeships will be launched in early July; the recommendation to establish a Youth Guarantee has been swiftly adopted by the Council; the importance of tackling youth unemployment has been underlined in the Compact for Growth and Jobs. In June 2012 the EC redirected EU funds to help 800,000 young people in the eight worst hit countries. Last February €6 billion were set aside for the Youth Employment Initiative within the next seven year EU budget. Of course, as the dreadful unemployment figures suggest, these measures will not fix the problem.

What is really needed is reform, as European Central Bank President Mario Draghi has pointed out. The ECB won’t act to ensure the solvency of a country, he said. He guaranteed that a higher inflation rate will not be used to solve debt crises, and said interest rates will rise once confidence returns to the euro area. Instead he suggested that indebted countries should follow Germany’s 2003 reforms. Those brave reforms (for instance to the labour market) may have led to the electoral demise of Chancellor Schröder, but in the long term they also ensured Germany would suffer far less unemployment during the crisis.

Italy, the eurozone’s third-biggest economy, is worse off than most of the others precisely because it has not enacted and implemented structural reforms over the past 20 years. Despite a timid recovery in 2010, since the middle of 2011 it has been stuck in its longest post-war recession, while unemployment has hit record levels. In the last quarter of 2012, Italy’s GDP fell by 0.9 percent, and the country’s real GDP dropped by 2.4 percent in 2012 as a whole. Private consumption contracted unprecedentedly by more than 4 percent, and government consumption also experienced a serious setback following severe fiscal consolidation. The new government is looking at the possibility of using €1.1 billion to reduce taxes for enterprises that hire young employees on long-term contracts. Italy’s competitiveness has been declining over the past decade: real unit labour costs have grown at a faster pace than productivity, and faster than in most of the euro area. Since the creation of the euro, Italy’s unit labour costs have risen by about 30 percent more than the currency area average. Real unit labour costs rose by 0.7 percent in 2012. [2]

According to the latest Eurostat [3] estimates, in April 2013 26,588,000 people in the EU-27 were unemployed, of whom 19,375,000 were in the euro area (EA-17). This represents increases of 104,000 in the EU-27 and 95,000 in the euro area compared to just one month earlier. When the comparison is with one year earlier, unemployment rose by 1,673,000 in the EU-27 and by 1,644,000 in the euro area. The EA-17 unemployment rate went from 11.2 percent in April 2012 to 12.2 percent in April 2013; in the EU-27 it rose from 10.3 percent to 11 percent over the same period. Among the Member States, the lowest unemployment rates were recorded in Austria (4.9 percent), Germany (5.4 percent), and Luxembourg (5.6 percent); and the highest rates in Greece (27 percent in February), Spain (26.8 percent), and Portugal (17.8 percent).

The economic crisis has hit the youth more than other age groups. From the beginning of 2009, the EU-27 youth unemployment rate was higher than in the euro area between 2000 and mid-2007. Since then, and until the third quarter 2010, these two rates have been very close. In the middle of 2012 the euro area youth unemployment rate overtook the EU-27 rate, and the gap has since increased.

In April 2013, 5,627,000 young persons (under 25) were unemployed in the EU-27, of whom 3.624 million were in the EA-17. In April 2013, the youth unemployment rate was 23.5 percent in the EU-27 and 24.4 percent in the euro area, compared with 22.6 percent in both zones in April 2012. In April 2013 the lowest rates were observed in Germany (7.5 percent), Austria (8.0 percent) and the Netherlands (10.6 percent); and the highest in Greece (62.5 percent in February 2013), Spain (56.4 percent), Portugal (42.5 percent) and Italy (40.5 percent).

However, out of this economic and social crisis Europe could find more legitimacy, which seems to be lost for European citizens. Between now and the June European Council, leaders will have the opportunity to adopt measures that demonstrate that Europe is not a super-national entity aimed at making lives difficult, but it is still a land of opportunities. We will be following these meetings closely, as unemployment is not simply a matter of numbers: it is a matter of people, of Europeans, and the future of the European project.

[1]http://www.consilium.europa.eu/uedocs/cms_data/docs/pressdata/en/ec/137290.pdf

[2]http://www.ecb.europa.eu/stats/exchange/hci/html/hci_ulct_2012-10.en.html

[3]http://epp.eurostat.ec.europa.eu/statistics_explained/index.php/Unemployment_statistics#Youth_unemployment_trends

Traduzione

I Ministri di Francia, Germania, Spagna e Italia si incontrerano a Roma questa settimana per discutere della disoccupazione giovanile e per introdurre nuove riforme per rilanciare la crescita e la competività. La posta in gioco è il Progetto Europeo. Il Ministro delle Finanze tedesco, Wolfang Schauble, lo ha descritto come una “battaglia per l’unità europea”, ed ha parlato di rivoluzione se il modello del welfare  europeo venisse abbandonato. La mancanza di lavoro è un’emergenza ed è un buon segno che sia al primo posto nell’agenda del prossimo Consiglio Europeo (di giugno). Il presidente Van Rompuy ha ufficialmente dichiarato che il numero di disoccupati in Europa, specialmente per quanto riguarda i giovani, è a livelli di record. E’ importante che i leader europei  stiano affrontando insieme questioni sociali ed economiche. La Commissione Europea ha proposto una serie di misure nel quadro del Youth Employment Package: la European Alliance for Apprenticeship verrà lanciata verso la fine di luglio; la raccomandazione di istituire un Youth Guarantee è stata rapidamente adottata dal Consiglio; l’importanza di discutere della disoccupazione giovanile è stata sottolineata nel Compact for Growth and Jobs. Nel giugno 2012 il Consiglio Europeo ha rindirizzato all’UE fondi per aiutare 800.000 giovani provenienti dalgi otto paesi più colpiti dalla crisi. Lo scorso febbraio, la Commissione ha anche destinato 6 milioni di Euro per la Youth Employment Initiative inseriti nel budget dell’UE dei prosismi sette anni.  Certamente, come suggeriscono gli scoraggianti dati sulla disoccupazione giovanile, queste misure non risolveranno il problema.

Quello che è veramente necessario sono le riforme, come ha sottolineato il Presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi. La BCE non interverrà  per risolvere le insolvenze dei paesi. Ha garantito che non verrà aumentata la rata di inflazione per risolvere il problema del debito, e che le rate di interesse faranno tornare la fiducia nel ritorno nella zona euro. Draghi ha proposto che i paesi indebitati seguano l’esempio delle riforme attuate dalla Germania nel 2003. Queste coraggiose riforme (prima di tutto la riforma del lavoro) hanno probabilmente portato al crollo elettorale del Cancelliere Schroeder, ma a lungo termine hanno permesso alla Germania di soffrire meno durante la crisi.

In Italia, la terza economia dell’euro zona,  la situazione è peggiore che in altri paesi, proprio perchè negli ultimi 20 anni non sono state attuate ed implementate riforme strutturali. Nonostante un timido recupero nel 2010, dalla metà del 2011 l’Italia è rimasta bloccata nella più lunga recessione mai vissuta e la disoccupazione ha raggiunto livelli da record. Nell’ultimo trimestre del 2012, il PIL dell’Italia è sceso del 0.9%, e il PIL reale del 2.4%. I consumi privati si sono contratti di oltre il 4% e anche i consumi pubblici hanno subito una battuta d’arresto in seguito alle severe misure fiscali. Il nuovo governo vorrebbe utilizzare 1 milione di euro per ridurre le tasse per le imprese in modo che possano assumere giovani con contratti a tempo indeterminato. Nell’ultimo decennio la competitività dell’Italia è in calo: il costo del lavoro reale per unità è cresciuto più in fretta dei ritmi produttivi, e più in fretta di qualsiasi altro paese dell’euro zona. Fin dalla creazione dell’Euro, i costi lavorativi dell’Italia sono cresciuti del 30% in più della media delle altre aree. I costi reali del lavoro sono aumentati del 0.7% nel 2012.

Secondo le ultime stime Eurostat, nell’aprile 2013 26.588.000 persone nei 27 paesi dell’UE erano disoccupate, di cui 19.375.000 nell’euro zona (EA-17).  Un aumento di 104.000 disoccupati nei 27 paesi dell’UE e di 95.000 nell’euro zona, rispetto a Marzo. Con riferimento al 2012, i disoccupati sono cresciuti di 1.673.000 unità nei 27 paesi dell’UE e di 1.644.000 nell’euro zona. I disoccupati dell’ EA-17 sono cresciuti dall’11.2% dall’aprile 2012 al 12.2% dell’aprile 2013; nei 27 paesi dell’UE è cresciuto dal 10.3% all’11% nello stesso periodo. Tra gli stati membri, i tassi più bassi di disoccupazione sono stati registrati in Austria (4.9%), Germania (5.4%) e Lussemburgo (5.6%);  i tassi più alti in Grecia (27% a febbraio), Spagna (26.8%) e Portogallo (17.8%).

La crisi economica ha colpito in particolar modo i giovani. Sin dall’inizio del 2009, il tasso di giovani disoccupati dei 27 paesi dell’UE era più alto di quello dell’euro zona tra il 2000 e la prima metà del 2007. Da allora e fino al 2010, questi due tassi sono stati molto vicini. Tuttavia verso la metà del 2012 il tasso di giovani disoccupati nell’euro zona ha superato quello dei 27 paesi dell’UE.

Nell’aprile 2013, 5.627.000 giovani under 25 erano disoccupati nei 27 paesi dell’UE, dei quali 3.624.000 nel EA-17. Nell’aprile 2013, il tasso di disoccupazione giovanile era del 23.5% nei 27 paesi dell’UE e del 24.4% nell’euro zona, mentre nel 2012 il 22.6% in entrambe le zone. Nell’aprile 2013 i tassi più bassi si sono riscontrati in Germania (7.5%), Austria (8.0%) e Olanda (10.6%) ; i tassi più alti in Grecia (62.5% a febbraio 2013), Spagna (56.4%), Portogallo (42.5%) e Italia (40.5%).

Ad ogni modo, al di fuori di questa crisi economica e sociale l’Europa dovrebbe trovare una maggiore legittimità, che agli occhi dei cittadini europei  sembra essere andara persa. Prima del Consiglio di giugno, i leader  Europei avranno l’opportunità di adottare misure per dimostrare che l’Europa non è un’entità sovra-nazionale volta a creare difficoltà, ma rappresenta ancora una terra di opportunità. Seguiremo attentamente questi incontri, perchè la disoccupazione non è una semplice questione di numeri: si tratta di persone, di europei e del futuro del progetto europeo.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: