Italia: un cambiamento reale e duraturo è realizzabile, Silvia Francescon, 20 marzo

download

Italy: real and lasting change is possible

Tomorrow  the “first comer-but not winner” of the Italian elections, Pier Luigi Bersani will meet the Head of State, Giorgio Napolitano, to receive a full or explorative mandate to create a new government. Bersani’s “mission-almost-impossible” will be to ensure a majority (that can survive a confidence vote) in the Senate (he already has a majority in the Lower House). The options do not seem promising.

Berlusconi’s PDL has appealed Bersani to go for a “grand coalition” capable of implementing measures considered urgent for the country. However the Democratic Party has repeatedly rejected the offer: its leftish anti-Berlusconi basis would never understand what Italians call the “inciucio” (although it would be interesting to see if it refused working with the PDL as a whole, or just Berlusconi). Without PDL support, Bersani’s option would be Monti, but this is incompatible with his leftish ally Ecology and Freedom that has fiercely opposed Monti’s stringent austerity measures. Excluding Monti, there is the Northern League: Berlusconi’s ally, and greatly reduced in strength after the last elections. However this option has also been closed out by the election of Laura Boldrini, a former spokesperson for the UN high Commissioner for refugees who is extremely active on migration issues, as President of the Lower House. This leaves Bersani with the a final option: Beppe Grillo’s 54 senators.

This is the moment when we will discover whether Grillo will take responsibility for the votes he received, for Italy and for serious change.

Last Saturday 10 “Grillini” senators bent the rules. They defied the decision of the Five Star Movement not to vote for any of the two remaining candidates for the Presidency of the Senate: Renato Schifani, who has accompanied Berlusconi since the beginning of his long political adventure;and the former national anti-mafia prosecutor Pietro Grasso, now with the Democratic Party. Their votes helped Grasso to win.

Since the vote those 10 senators have been under fire from the Movement. In response they said they could never go back to Sicily if they contributed to the re-election of Schifani instead of an anti-mafia icon. They have been brave enough to show that change can happen. Yes, it can happen in Italy too and it can happen now.

Today two of Italy’s highest election officials are not from the system that Grillo wants to dismantle. Laura Boldrini (the third woman in Italian history to become the President of the Lower House), 51, is the former spokesperson for the UN high Commissioner for refugees. Pietro Grasso has spent his life fighting mafia and corruption in the South of Italy, often together with the two mafia martyrs Giovanni Falcone and Paolo Borsellino. One of the first concrete actions they have taken has been to reduce their own salary by 30 percent – with official salaries an emotive issue in modern Italy. Now it is time for them to show an institutional commitment that goes beyond their previous experience.

It would be a shame if Italy and its parliamentarians do not show responsibility to create a government and allow the change that has already started to become more consistent. While there is a big fuss by the media around the Grillini in the parliament, Italy has to take immediate economic measures and to find solutions to unemployment, a credit crunch, tax evasion, and corruption.

Europe is waiting for the sleeping beauty to wake up, to give a strong signal that its credibility is durable (credit for its restoration must go to Mario Monti) and to be told who is going to be the interlocutor who will have to bear the burden of sustaining reform.

While the South of Europe is burning, Italy cannot waste too much time on its own internal dynamics. There is already one important deadline Italy has to meet soon: by April it has to present to the European Commission a realistic and detailed liquidation plan of its overdue commercial debt (€70 billion) that the state has to pay to enterprises – a crucial element for re-launching growth.

Who is going to present this plan? It has to be a reliable and influential government. The credibility of a government is not just an internal matter: it is the key factor that allows a country to be trusted by its European partners and to be guaranteed some flexibility that otherwise would not be conceded.

In her inaugural address, the new President of the Lower House, Laura Boldrini, recalled that “Italy is one of EU founders and historical supporters of the integration process… it is showing genuine commitment to change … The incoming government has an important task: turn Europe back in to a common dream and restore the mission and vision once envisaged and promoted by Altiero Spinelli”; while her new colleague Pietro Grasso declared that “Europe is not only about economy and crisis, but also about crossroads of cultures and people and there is a need to go back to these values.”

This shows how Europe is the Polestar for the new Italian institutions and at the same time how important the change that is occurring in Italy will be for Europe too. The conditions are there, and there has never been such a moment like this in Italy. If Italy is unable to create a new government, this historic opportunity could be wasted and the country could fall into a deep crisis. It is time to turn the rhetoric of change into real politics. The composition of both chambers has been significantly modified, and in an unprecedented way. If we have a look, for example, at the proportion of seats allocated to women, in comparison to 2008 there has been an increase from 21 percent to 32 percent in the Chamber of Deputies and from 19 percent to 30 percent in the Senate. The average age in parliament is now 48 – seven years less than in 2008.

The positive changes that have occurred must be kept. We give credit to the Five Star Movement for having initiated this process and having forced traditional parties to make a change that perhaps would not have occurred otherwise. At the same time it is de facto responsible for the threat of instability the country is facing: its leader Beppe Grillo has so far rejected every possible compromise.

However, it is time to put an end to this paradoxical moment of being both in a post-election and in pre-election moment. Time for slogans and campaign language is over. Italy cannot afford it, as well as Europe cannot wait any longer for its founding member to wake up.

Traduzione

Pier Luigi Bersani che, pur arrivando primo nelle ultime elezioni senza esserne reale vincitore, incontrerà il Capo di Stato, Giorgio Napolitano, per ricevere da lui il mandato (pieno o esplorativo) per dare vita al nuovo governo. La missione “quasi-impossibile” di Bersani sarà quella di accertarsi della possibilità di garantire una maggioranza (solida abbastanza da sopravvivere al voto di fiducia) al Senato, già avendola alla Camera. Le prospettive non sembrano essere promettenti.

Il PDL di Silvio Berlusconi ha fatto appello a Bersani affinché dia vita ad una grande coalizione in grado di implementare le misure considerate più urgenti per il Paese. Tuttavia il Partito Democratico ha più volte rifiutato questa proposta: la parte più di sinistra e anti-berlusconiana del partito non comprenderebbe le ragioni di ciò che gli italiani chiamano “inciucio” (benché sarebbe interessante capire se il rifiuto sarebbe  indirizzato anche nei confronti di un PDL senza Berlusconi). Senza il supporto del PDL, la scelta di Bersani potrebbe cadere su Mario Monti, ma quest’opzione risulta incompatibile con l’orientamento del suo alleato, Sinistra Ecologia e Libertà, da sempre  sempre opposto alle stringenti misure di austerità imposte dal governo guidato da Monti stesso. Escludendo dunque quest’ultimo, resta da considerare la Lega Nord, alleata di Berlusconi e drasticamente ridotta alle ultime elezioni. Anche questa soluzione è stata esclusa con l’elezione a Presidente della Camera di Laura Boldrini, precedentemente portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), particolarmente attento alle questioni legate all’immigrazione. Questo lascia dunque Bersani con un’ultima scelta: i 54 senatori eletti nelle fila di Beppe Grillo.

Ora è arrivato il momento di capire se Grillo si assumerà la responsabilità dei voti ricevuti a beneficio dell’Italia e di un profondo cambiamento. Sabato scorso, dieci “grillini” hanno rotto le regole. Hanno sfidato la decisione concordata in seno al Movimento5Stelle di non votare per nessuno dei due candidati proposti alla Presidenza del Senato: Renato Schifani, il quale ha accompagnato Silvio Berlusconi sin dall’inizio della sua lunga parabola politica; e l’ex procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso, ora candidatosi con il Partito Democratico. I voti dei senatori grillini hanno consentito a quest’ultimo di vincere nella corsa per la seconda carica dello Stato.

I 10 senatori grillini sono stati travolti dal fuoco amico del Movimento. Per tutta risposta, hanno replicato che non avrebbero mai potuto fare ritorno in Sicilia se avessero contribuito alla ri-elezione di Schifani al posto di un simbolo dell’antimafia nazionale. Quei senatori sono stati coraggiosi abbastanza da dimostrare che davvero un cambiamento può avvenire. Sì, può avvenire anche in Italia e può avvenire adesso.

Oggi due tra le più importanti cariche istituzionali elette non provengono dal sistema partitico che Grillo vuole smantellare. Laura Boldrini (la terza donna ad occupare il posto di Presidente della Camera nella storia della Repubblica italiana), 51 anni, è stata portavoce dell’UNHCR. Pietro Grasso ha dedicato la sua vita alla lotta alla mafia e alla corruzione nel Sud Italia, avendo collaborato anche con due vittime delle mafie: Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Una delle prime decisioni concrete prese dai due neo Presidenti è stata la riduzione del 30% delle proprie retribuzioni – essendo questo un tema particolarmente dibattuto oggi in Italia. E’ dunque venuto il momento di farsi carico di un impegno istituzionale che va oltre le loro precedenti esperienze professionali e umane.

Sarebbe davvero un peccato se l’Italia e i suoi parlamentari non si assumessero la responsabilità di formare un governo e non permettessero a quel graduale mutamento gia iniziato di consolidarsi. Benché ci sia una gran fibrillazione da parte dei media attorno ai grillini in Parlamento, l’Italia deve soprattutto prendere immediate misure economiche e trovare soluzioni ai problemi della disoccupazione, alla stretta creditizia, all’evasione fiscale e alla corruzione.

L’Europa è in attesa che la bella addormentata si svegli, che trasmetta in modo inequivocabile il segnale che la sua credibilità è solida (e di questo si deve accordare il merito a Mario Monti) e possa affermare che colui che è destinato ad essere l’interlocutore dovrà farsi carico di proporre riforme sostenibili.

Mentre il sud dell’Europa sta bruciando, l’Italia non può perdere troppo tempo a curarsi dei propri equilibri interni. Già l’attende un’importante scadenza da affrotare molto presto: in aprile il governo dovrà presentare all’attenzione della Commissione europea un piano, realistico e ben dettagliato, di liquidazione del proprio debito commerciale (€70 miliardi) che lo Stato deve pagare alle imprese – un fattore cruciale per il rilancio della crescita economica.

Chi presenterà questo piano? Dovrà essere un governo affidabile e influente. La credibilità di un governo non rappresenta solamente una questione di natura interna: è il fattore chiave che consente ad un Paese di ottenere la fiducia dei propri partner europei e di garantirsi un margine di flessibilità che non gli sarebbe concesso altrimenti.

Nel suo messaggio d’insediamento, il neo Presidente della Camera Laura Boldrini ha ricordato che “L’Italia fa parte del nucleo dei fondatori del processo di integrazione europea. Dovremo impegnarci ad avvicinare i cittadini italiani a questa sfida, a un progetto che sappia recuperare per intero la visione e la missione che furono pensate con lungimiranza da Altiero Spinelli. Lavoriamo perché l’Europa torni ad essere un grande sogno, un crocevia di popoli e di culture, un approdo certo per i diritti delle persone”; d’altro canto, il collega, Pietro Grasso, ha dichiarato che “siamo tra i fondatori dell’Unione, il nostro compito è portare nelle istituzioni comunitarie le esigenze e i bisogni dei cittadini. L’Europa non è solo moneta ed economia, deve essere anche incontro di popoli e culture.”.

Tutto ciò mostra come l’Europa sia la Stella polare per le nuove istituzioni italiane e, allo stesso tempo, quale grande rilevanza assuma il cambiamento che sta avvenendo in Italia per l’Europa stessa. Le condizioni sono propizie e mai si è verificato in Italia un simile momento. Se l’Italia non sarà in grado di dar vita a un nuovo governo, quest’opportunità storica potrebbe andare sprecata e il Paese potrebbe crollare in una profonda crisi. È venuto il momento per mutare la retorica del cambiamento in politica concreta. La composizione di entrambe le Camere è stata sostanzialmente modificata, e in un modo che non si era mai verificato sinora. Ad esempio, se si dà uno sguardo alla proporzione dei seggi assegnati alle donne rispetto alle elezioni del 2008, ci si accorge di una crescita dal 21% al 32% nella Camera dei deputati e dal 19% al 30% nel Senato. L’età media nel Parlamento, inoltre, è ora di 48 anni – cioè sette anni in meno rispetto alla media del 2008.

I mutamenti positivi che sono avvenuti devono essere conservati. Riconosciamo al Movimento5Stelle il merito di aver avviato questo processo e spinto i partiti tradizionali a fare un cambiamento che probabilmente non avrebbe altrimenti avuto luogo. Allo stesso tempo, il Movimento è responsabile de facto della minaccia di instabilità che affligge il Paese: il suo leader, Beppe Grillo, ha sinora rifiutato qualsivoglia forma di compromesso.

Tuttavia, è il momento di porre fine a questo periodo che può paradossalmente definirsi sia post- che pre-elettorale. Il tempo degli slogan e della propaganda è finito. L’Italia non può più sopportarlo, così come l’Europa non può attendere oltre il risveglio di uno dei suoi membri fondatori.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: