La visione italiana dell’Europa, un commento di Silvia Francescon sui risultati forniti dall’ultimo Eurobarometro

 

Monti rompuy 2

Foto: euractiv.it

Rome view: a different Europe?

Despite widespread concern about Italy’s political uncertainty and its way to get out of the gridlock, what emerges from the latest Eurobarometer is that Italians seem to want more Europe. Although confidence in the EU has fallen in most of the polled countries (see this blog post by my colleague José Ignacio Torreblanca), when asked about leaving the Union and the single currency, the answer was mostly “no”. Only one percent of the 10,321 Italians interviewed expect the country to leave the EU, and the euro is considered (although only by 31 percent) the second biggest achievement of the Union after the free movement of people, goods and services.

Solving the euro crisis continues to be an important issue for many. 59 percent of Italian respondents expect the EU to be involved in finding a solution (ten points above the average, although four below the results of the previous poll in May 2012). But despite the improvement in the situation by the end of 2012 it’s clear that the crisis may be changing how Europeans see the Union (President Van Rompuy noted that “solving the crisis together is vital as what is at stake is much more than just monetary operations, it is the European project”). Although José Ignacio Torreblanca suggests that “Europe has lost its citizens”, I am more positive (at least about Italy), with my views backed by the latest Eurobarometer, and even the recent election.

51 percent of Italian respondents still consider themselves European citizens (last time the figure was below 50 percent). While no significant patterns emerge on the basis of gender or age, there is a noticeable disparity between the 66 percent of managers, the 44 percent of unemployed and the 42 percent of retired people. European citizenship receives also higher support from the most educated segment and is higher in the north east of the country (60 percent), compared to the 39 percent from central Italy. Despite the overall figure being remarkably high given the impact of the crisis in Italy, it is noticeably lower than the 74 percent recorded in Germany and Poland.

This positivity towards Europe is capital that should not be wasted. We need to work on a double track, taking immediate and concrete action as well as working towards a wider vision.

On the first track we have already two opportunities: the renegotiation of the EU budget for 2014-2020 (rejected by the European Parliament earlier today), and the next European Council, which will take place from tomorrow (14-15 March). Unfortunately, in rejecting the budget the European Parliament did not question the overall spending set by the EU leaders last February: it only placed some conditionalities[1]. Last month EU leaders all claimed victory for their own country over the budget negotiations. Mario Monti, for example, said he was glad he managed to save €500 million for Italy. But this was just a Pyrrhic victory. Cutting the EU budget will not help creating the “more Europe” leaders claim to want. These cuts will bind Europe for the next seven years, but at least the Parliament may succeed in obtaining a review clause which allows for mid-term assessment for the next budget period.

Tomorrow’s European Council, which will take place one year after the adoption of the fiscal compact, should start a “second phase” devoted to growth, flexibility and fighting unemployment. It will be the last European Council for Mario Monti as Italian Prime Minister. Monti has already held consultations with the “first comer-but not winner” of the elections, Pier Luigi Bersani. The two discussed what is in the interests for Italy and for “more Europe”, agreeing that the social dimension of the crisis needs to find its place on the leaders’ discussion table.

The importance of the social dimension is a crucial point that has been disregarded since the beginning of the crisis. Economists tell us that fiscal austerity measures coupled with structural reforms are working, and that we just need more time and should be patient. But, as the electoral vote shows, there is no more time and no more patience. The process has already taken too long, and further delays with unbearably high social costs may take too long to prevent a revolution (youth unemployment is currently running at 40 percent). This is why a success for Italy and for Europe as a whole at this coming Council would be more flexibility. In particular Italy needs to come home with a real victory, not a Pyrrhic one, such as the possibility to exclude certain elements from the public debt calculation, such as investments for youth employmen and debts owed by public administrations to businesses (which in Italy amount to €71 billion). This would relaunch the whole Italian system much more than any cut to the European budget. Whether the European partners will agree on such a concession is still as uncertain as the future of Italy itself: European leaders may want more guarantees on who is going to run the country and make the best use of such flexibility.

These are quick actions that can be taken in a very short period of time. But, as I said, we also need vision. We need to be clear about what kind of Europe we want. It seems that, at least in Italy, both citizens and the business community are asking for a real political union. Again, according to the Eurobarometer, the euro is perceived by Italians as a means to an end, an instrument to create more Europe and not a stand-alone goal. The Eurobarometer figures show a strong demand for more Europe, for a different kind of Europe, for a more democratic Europe: a Europe that at the moment is only dreamed of, that takes care of the real economy and real life, rather than only fiscal policies. All this fits perfectly with the outcome of the Italian February elections. As I have already argued the message is a clear demand for change for both Italy and for Europe. There is no anti-Europeanism in there. Italians simply want a different Europe, with less austerity, more flexibility and investments in the real economy, and a radical change towards a united, not asymmetrical, Europe.


[1] 1) Member States should cover €14 billion in accumulated payment requests this year; 2) flexibility for the re-allocation of unspent funds from one budget heading to another and from one year to the next; 3) a review clause, which would allow the Commission to conduct a mid-term assessment for the next budget period; 4) increased revenue, for example from a tax on financial transactions.

Traduzione:

Nonostante la diffusa preoccupazione per l’incertezza politica in Italia e per la modalità d’uscita da questa situazione di stallo, ciò che emerge dall’ultimo Eurobarometro è che gli italiani sembrano volere più Europa. Anche se la fiducia nell’Unione Europea è diminuita nella maggior parte dei paesi intervistati (si veda l’articolo del mio collega José Ignacio Torreblanca), quando viene chiesto se si voglia lasciare l’Unione e la moneta unica, la risposta è stata per lo più “no”. Solo l’uno per cento dei 10.321 italiani intervistati vogliono che il paese lasci l’Unione europea, e l’euro è considerato (anche se solo per il 31 %), il secondo traguardo più grande dell’Unione Europea dopo la libera circolazione delle persone, delle merci e dei servizi.

La crisi dell’euro continua a essere un problema importante per molti. Il 59% degli intervistati italiani si aspetta che l’Unione si impegni nella ricerca di una soluzione (dieci punti al di sopra della media europea, anche se quattro in meno rispetto ai risultati del sondaggio precedente del maggio 2012). Tuttavia, nonostante il miglioramento della situazione verso la fine del 2012, è chiaro che la crisi potrebbe cambiare come gli europei vedono l’Unione Europea (il Presidente Van Rompuy ha osservato che ” è di vitale importanza risolvere la crisi tutti insieme poiché ciò che è in gioco è molto più di semplici operazioni monetarie, è il progetto europeo”). Anche se José Ignacio Torreblanca suggerisce che “l’Europa ha perso i suoi cittadini”, sono più ottimista (almeno per l’Italia).

Il 51% degli intervistati italiani ancora si considera cittadino europeo (l’ultima volta la cifra era inferiore al 50%). Anche se non emergono modelli significativi sulla base del sesso o dell’età, vi è una notevole disparità tra la percentuale del 66 dei manager, il 44% dei disoccupati e il 42% dei pensionati. La Cittadinanza europea riceve anche maggiore sostegno da parte dei più istruiti e soprattutto nel nord-est del paese (il 60%), rispetto al 39% in centro Italia. Nonostante il dato complessivo sia molto elevato, considerato l’impatto della crisi in Italia, è notevolmente inferiore al 74% registrato in Germania e Polonia.

Questo atteggiamento postivo nei confronti dell’Europa è una risorsa che non dovrebbe essere sprecata. Dobbiamo lavorare con una doppia strategia, prendendo un’iniziativa immediata e concreta da un lato, mentre lavoriamo per obiettivi più vasti.

Sul primo piano abbiamo già due possibilità: la rinegoziazione del quadro finanziario pluriennale dell’UE per il 2014-2020 (appena respinto dal Parlamento europeo), e il prossimo Consiglio europeo, che si terrà da oggi (dal 14 al 15 marzo). Purtroppo, nel respingere il bilancio il Parlamento europeo non ha contestato la spesa stabilita dai leader europei lo scorso febbraio nella sua totalità: ha solo posto alcune condizioni. Il mese scorso, i leader europei hanno tutti cantato vittoria per il loro paese nei negoziati sul bilancio. Mario Monti, per esempio, si è dichiarato soddisfatto per essere riuscito a risparmiare 500 milioni di euro per l’Italia. Era soltanto una vittoria di Pirro. Il taglio del bilancio dell’UE non aiuterà la creazione di “più Europa” che i leader affermano di volere. Questi tagli vincoleranno l’Europa per i prossimi sette anni, ma almeno il Parlamento potrebbe riuscire ad ottenere una clausola di revisione che permetta una valutazione a medio termine nel prossimo periodo di bilancio.

Il Consiglio europeo di domani, che si terrà un anno dopo l’adozione del Patto Fiscale, dovrebbe avviare una “seconda fase” dedicata alla crescita, alla flessibilità e alla lotta contro la disoccupazione. Sarà l’ultimo Consiglio europeo di Mario Monti come Primo Ministro italiano. Monti si è già consultato con il “primo classificato, ma non vincitore” delle elezioni, Pier Luigi Bersani. I due hanno discusso ciò che è negli interessi dell’Italia e che sia per “più Europa”, concordando sul fatto che la dimensione sociale della crisi debba essere discussa dai leader.

L’importanza della dimensione sociale è un punto cruciale, ignorato dall’inizio della crisi. Gli economisti ci dicono che le misure di austerità fiscale associate alle riforme strutturali stanno funzionando, e che abbiamo solo bisogno di più tempo e dobbiamo essere pazienti. Ma, come mostrano gli esiti elettorali, non ci sono più né tempo né pazienza. Ci abbiamo già messo troppo tempo e ulteriori ritardi con costi sociali insopportabilmente elevati potrebbero durare troppo a lungo per evitare una rivoluzione (la disoccupazione giovanile è attualmente al 40%). È per questo che una maggiore flessibilità rappresenterebbe un successo in questo prossimo Consiglio, sia per l’Italia che per l’Europa nel suo insieme. In particolare, l’Italia ha bisogno di tornare a casa con una vittoria reale, non una vittoria di Pirro, ad esempio con la possibilità di escludere taluni elementi dal calcolo del debito pubblico, come gli investimenti per l’impiego giovanile e il debitp delle amministrazioni pubbliche nei confronti imprese (che ammonta a 71 miliardi di euro). Ciò rilancerebbe l’intero sistema italiano molto più di qualsiasi taglio al bilancio europeo. E’ ancora incerto se i partner europei saranno d’accordo su tale concessione, come lo è il futuro della stessa Italia: i leader europei potrebbero esigere maggiori garanzie da parte di chi sta per governare il paese e se possa usare al meglio tale flessibilità.

Si tratta di azioni rapide che possono essere messe in pratica in un periodo di tempo molto breve. Ma, come ho detto, abbiamo anche bisogno di una visione. Dobbiamo essere chiari sul tipo di Europa che vogliamo. Sembra che, almeno in Italia, sia i cittadini che gli operatori economici chiedano una vera unione politica. Ancora una volta, secondo l’Eurobarometro, l’euro è percepito dagli italiani come un mezzo per un fine, come uno strumento per creare più Europa e non a sé stante. I dati dell’Eurobarometro mostrano una forte domanda di più Europa, per un’Europa diversa, per un’Europa più democratica: l’Europa che al momento è solo sognata, che si occupa dell’economia reale e della vita reale, più che delle politiche fiscali. Tutto questo si sposa perfettamente con il risultato delle elezioni italiane di febbraio. Come ho già sostenuto, il messaggio lanciato dalle elezioni è una chiara richiesta di cambiamento all’Italia e all’Europa. Non vi è alcun anti-europeismo. Gli italiani vogliono semplicemente un’Europa diversa, con meno austerità, con maggiore flessibilità e con investimenti nell’economia reale, e un cambiamento radicale verso un’Europa unita, non asimmetrica.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: