L’Europa nella campagna elettorale italiana: un’analisi di Silvia Francescon

_farnesina4

Archivio fotografico ANSA

Italy’s European election

Italians will go to the polls on Sunday to vote for a new parliament. But something is different this time: for the first time in an Italian election “Europe” seems to be playing a central role. I was interested in how exactly the main candidates use “Europe” in their campaigns – so here is a quick overview:

The euro crisis is obviously the most cited explanation of why Europe plays such a central role. I argued before that Italy risked becoming a country in receivership. Lucia Annunziata, the Editorial Director of the Huffington Post Italia and former Chair of RAI, had another take on this. He argued that the main reason for the Europe debate in Italy is Mario Monti. Before Monti entered the race, traditional parties had no need to engage in a real debate over Europe. Monti’s somewhat unexpected candidacy however prompted all other candidates to respond to the “man of Europe”. While the “technocrat Monti” was supported by a grand coalition, the “political Monti” has been running an aggressive campaign which inevitably involved his main strength: The European question.

Without Monti’s candidacy the electoral debate in Italy could have been a classic bipolar election: On one side the centre-right Berlusconi PDL and the Northern League as the anti-tax coalition that sees Europe as a nasty bureaucracy imposing restrictions on the “country of opportunities”. On the other side, the pro-European Democratic Party have embraced a vision of a United States of Europe – but crucially without a clear strategy on how to reach this goal. This pattern could have remained the basic frame of the Europe debate in Italy. Monti’s candidacy however forced both political forces to take a stronger and a more detailed take on Europe – for better or for worse.

Berlusconi’s attacks Monti mainly because of his European credentials. In particular Berlusconi has criticised Monti’s relationship with Angela Merkel, accusing him to have turned Italy into a German colony. In Berlusconi’s view Monti has been too weak to oppose Merkel’s austerity measures.

Pier Luigi Bersani, the leader of the centre-left coalition, has also become more vocal when it comes to “Europe”. At the height of his electoral campaign he travelled through Europe to build up alliances instead of campaigning on local and national issues. Bersani has been emphasising the need for more European cohesion and advocated a more democratic and participatory vision of Europe: “Europe is seen as a sort of condominium, but the problem is whether it can now become a cooperative, with a shared budget – and more democratic control and participation”. When it comes to Brussels control over government spending and the loss of sovereignty – Bersani said he could agree to this in exchange for greater freedom to boost key economic sectors. His statement tacitly acknowledged that Brussels already plays a more important role in economic policy, even if he did not take a strong position on the budget cut approved at the last European Council. Obviously the budget is the real issue at stake because we cannot ask for a Europe to work efficiently and to play a strong role if we don’t provide it with the right instruments – and a 1% budget is definitely not the right instrument.

Bersani’s European tour proved to be successful enough to gain several endorsements. François Hollande supports him: “For the renaissance it is necessary to leave more space for justice and closer relations between France and Italy. This is why I want to encourage my friend Pier Luigi Bersani and the Italian people to give a sovereign vote for renaissance, not only in Italy, but also in Europe”. Jean-Claude Juncker, stated: “Bersani appears to have the best intentions for Italy”.

It goes without saying that Monti has also placed Europe at the centre of his campaign. His “Agenda for Italy” foresees a more communitarian and less intergovernmentalEurope, he wants to fight populism and favours a social market economy. His ally Pierferdinando Casini, leader of the Christian democratic coalition UDC, who I interviewed recently, even envisages a scenario of political union for Europe, based on Catholic heritage.

Again, it is interesting to see how this political campaign crossed the Italian borders: Monti received full endorsement from Germany, while the President of the European Council, Herman Van Rompuy, said “Mario Monti was and is a great prime minister for Italy. And his efforts in terms of fiscal consolidation and reforms in all the different sectors of the Italian economy are absolutely necessary. We have to continue these policies in any case”. German Finance Minister Wolfgang Schäuble said the country needed to remain on the path of stability charted by technocrat Premier Mario Monti. This triggered outraged reactions from Berlusconi who again accused Merkel of interfering in internal national affairs.

Both Bersani and Monti have personal credibility, but both have challenges ahead. The leader of the Democratic Party needs to reassure  the left-wing partners of his coalition, whose leader, Niki Vendola, will oppose reforms for a more flexible labour market and further EU austerity measures (he took a strong stance against the fiscal compact). Monti has to face unpopularity due to tax increases imposed by his technocratic government and has not yet indicated where he will find the savings needed to diminish it.

How will they overcome these challenges? For The Economist an alliance between Monti and Bersani would be the best option: “The best result would be for Mr Monti to stay on as prime minister, and a government led by Mr Bersani, with Mr Monti in charge of the economy, would be a decent outcome for Italy”.

But there is an outsider in this competition who is going to become a key player: the Five Star Movement (M5S), led by comedian Beppe Grillo, is expected to place around 100 “grillini” in the Parliament. And not surprisingly, Europe is a key feature of the M5S campaign or, to be more precise, anti-European rhetoric. In response to Monti “the man of the banks responsible for the crisis”, Grillo published on his extremely popular blog his 16 points Agenda. Point number 6 is the introduction of a referendum on Italy’s membership in the Eurozone. He does not define himself as anti-European, but wants to change this kind of Europe that he sees as undemocratic, unrepresentative and led by the markets. In any case his anti-Euro message resonates with a big part of the electorate and manages to give a voice to discontent in Italy – not that dissimilar to the situation in Spain, Greece and southern European countries in general.

If we were to find a minimum common denominator on Europe among these candidates, we could argue that they agree that Europe needs reforms and that it lacks proper representation and legitimacy. Will this be enough to start a serious debate on what could be Italy’s role in a “reinvented Europe”? If this campaign had the merit of having introduced Europe to the public debate, much more needs to be said and done after the elections. Clearly, more concrete strategies need to be developed, starting with the European budget but also thinking about the future of Europe: How to improve democratic legitimacy and giving the concept of a “political union” a meaning. Whoever wins the elections will need to do more than just talk about Europe – it is time to do something.

Traduzione:

Gli italiani eleggeranno un nuovo Parlamento. C’è un importante elemento di novità che differenzia quest’elezione dalle precedenti: per la prima volta l’“Europa” sembra occupare un ruolo predominante. Per questo sono interessata di come i principali candidati si riferiscano all’ “Europa” nelle loro campagne elettorali.

La crisi dell’euro è la ragione principale del perché l’Europa  sia diventata un argomento così centrale. In un mio contributo precedente ho già sostenuto che l’Italia rischia di diventare un Paese le cui sorti vengono decise dall’esterno. Lucia Annunziata, Direttore Editoriale dell’Huffington Post Italia, già Direttore della RAI, ha un’altra opinione al riguardo. Ha infatti sostenuto che è Mario Monti il motivo per il quale si ha un dibattito sull’Europa. Prima della sua candidatura, i partiti tradizionali non avevano mai sentito il bisogno di affrontare un vero e proprio dibattito sull’Europa. La candidatura più o meno inaspettata di Mario Monti ha obbligato gli altri candidati a rispondere all’ “uomo dell’Europa”. Mentre il “Monti tecnocrate” era appoggiato da una grande coalizione, il “Monti politico” ha finora svolto una campagna elettorale aggressiva che ha inevitabilmente fatto richiamo alla sua forza principale: la questione europea.

Senza la candidatura di Monti il dibattito elettorale in Italia sarebbe stato quello di una classica competizione bipolare: da un lato il centro-destra con il PDL di Berlusconi e la Lega Nord in qualità di coalizione anti-fiscale che vede l’Europa come una burocrazia che impone restrizioni sul “paese delle opportunità”. Dall’altro lato, il pro-europeo Partito Democratico che abbraccia l’idea della creazione degli Stati Uniti d’Europa, senza avere, tuttavia, una strategia chiara su come raggiungere questo obiettivo. La candidatura di Monti ha quindi forzato entrambe le forze politiche a dare una visione più forte e maggiormente dettagliata sull’Europa, nel bene o nel male.

Berlusconi attacca Monti principalmente per le sue credenziali europee. In particolare, Berlusconi ha criticato le relazioni con Angela Merkel, accusandolo di aver trasformato l’Italia in una colonia tedesca. Secondo Berlusconi, Monti è troppo debole per opporsi alle misure di austerità di Merkel.

Pier Luigi Bersani, il leader della coalizione di centro-sinistra, è a sua volta diventato più incisivo quando si tratta di parlare di “Europa”. All’apice della sua campagna elettorale, ha viaggiato in Europa per costruire alleanze invece di fare propaganda su questioni locali e nazionali. Bersani ha sottolinato il bisogno di una maggiore coesione a livello europeo e ha fatto appello a una visione più democratica e partecipativa dell’Europa: “L’Europa è una sorta di condominio, ma il problema è che l’Europa deve diventare una cooperativa, con un budget condiviso, un controllo e una partecipazione più democratici”. Quanto al controllo di Bruxelles sulla spesa pubblica e alla perdita di sovranità, Bersani ha detto che potrebbe essere d’accordo in cambio di una maggiore libertà nel rafforzare alcuni settori economici. Le sue dichiarazioni sottintendono tacitamente che Bruxelles gioca di già un ruolo nelle politiche economiche, anche se Bersani non ha assunto una posizione precisa sul taglio al quadro finanziario pluriennale stabilito dall’ultimo Consiglio europeo. Ovviamente il budget è la vera questione da affrontare perché non possiamo richiedere all’Europa di lavorare in modo efficiente e di giocare un ruolo forte se non le diamo gli strumenti necessari per farlo. Un budget dell’1% non è decisamente uno strumento adatto.

Il tour europeo di Bersani ha suscitato numerosi apprezzamenti. François Hollande lo sostiene, affermando che: “Per la rinascita è necessario dare più spazio alla giustizia e a un legame più stretto tra Francia e Italia. Questo è il motivo per il quale voglio incoraggiare il mio amico Pier Luigi Bersani e il popolo Italiano a dare un voto sovrano per la rinascita, non solo in Italia, ma anche in Europa”. Jean-Claude Juncker ha detto: “Bersani sembra avere le intenzioni migliori per l’Italia”.

Non c’è bisogno di dire che anche Monti ha incentrato la sua campagna sull’Europa. La sua “Agenda per l’Italia” prevede un’Europa più comunitaria e meno intergovernativa, vuole sconfiggere il populismo ed è a favore di un’economia di mercato che presti attenzione anche alle politiche sociali. Il suo alleato Pierferdinando Casini, leader dell’Unione Democratica di Centro, che ho intervistato di recente, immagina anche un’unione politica dell’Europa, basata su un’eredità cattolica.

D’altra parte è interessante vedere come questa campagna politica abbia superato i confini italiani. Monti ha ricevuto un supporto sostanzioso da parte della Germania, mentre il Presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, ha detto: “Mario Monti è stato e sarà un grande Primo Ministro per l’Italia. E i suoi sforzi in fatto di consolidamento fiscale e riforme nei diversi settori dell’economia italiana sono totalmente necessari. Dobbiamo continuare con queste politiche in ogni caso”. Il Ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schauble ha detto che il paese ha bisogno di restare sul percorso di stabilità intrapreso dal Premier Mario Monti. Questo ha provocato reazioni di sconcerto da parte di Berlusconi che ha nuovamente accusato Merkel di interferire negli affari interni dell’Italia.

Sia Bersani che Monti hanno credibilità personale e dovranno entrambi fronteggiare numerose sfide. Il leader del Partito Democratico deve rassicurare gli alleati dell’ala sinistra della sua coalizione, il cui leader, Nichi Vendola, si opporrà alle riforme volte a un mercato del lavoro più flessibile e a misure di austerità maggiori da parte dell’Unione Europea (si è opposto duramente al fiscal compact). Monti deve affrontare l’impopolarità dovuta all’aumento delle tasse imposto dal suo governo tecnico e non ha ancora indicato dove troverà i fondi per diminuirle.

Come supereranno queste sfide? Per l’Economist, un’alleanza tra Monti e Bersani sarebbe l’opzione migliore: “Il migliore risultato sarebbe che Monti restasse Primo Ministro, tuttavia un governo guidato da Bersani, con Monti all’economia, sarebbe una via d’uscita decente per l’Italia”.

Tuttavia, c’è un outsider in questa competizione elettorale e destinato a diventare un giocatore chiave: il Movimento 5 Stelle (M5S), guidato dal comico Beppe Grillo, che si prevede riceverà circa 100 seggi in Parlamento. Senza sorpresa, l’Europa è un elemento chiave della campagna dell’M5S o, per essere più precisi, la retorica anti-europea. In risposta a un Monti “uomo delle banche responsabili della crisi”, Grillo ha pubblicato sul suo popolarissimo blog una propria Agenda in 16 punti. Il punto numero 6 prevede un referendum sul fatto che l’Italia debba restare o meno parte dell’eurozona. Grillo non si definisce anti-europeo, ma vuole cambiare quest’Europa che vede come non democratica, non rappresentativa e guidata dai mercati. In ogni caso il suo messaggio anti-Euro fa leva su gran parte dell’elettorato e riesce a dare voce allo scontento.

Se, analizzando i vari candidati, dovessimo trovare un minimo comune denominatore sull’Europa tra questi candidati, potremmo dire che sono tutti d’accordo sul fatto che l’Europa abbia bisogno di riforme e manchi di un’appropriata rapprentanza e di legittimità. Sarà abbastanza per iniziare un dibattito serio su quello che potrebbe essere il ruolo dell’Italia in un’ “Europa reinventata”? Se questa campagna ha avuto il merito di inserire l’Europa nel dibattito politico, molto di più andrebbe detto e fatto dopo le elezioni. Chiaramente, andrebbero sviluppate strategie più concrete, a cominciare dal budget europeo ma anche in tema di futuro dell’Europa: come dare maggiore legittimità democratica e come dare significato al concetto di “unione politica”. Chiunque vinca le elezioni dovrà fare di più che parlare di Europa e basta. E’ il momento di fare qualcosa.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: